Un uomo inglese ha viaggiato in giro per il mondo in un biciclo

Celebrità

Ci sono state molte persone che hanno girato il mondo in bicicletta, ma il primo uomo che ha fatto un viaggio così incredibile fu Thomas Stevens. Fece un viaggio attraverso l'America, l'Europa e l'Asia in una bicicletta a ruote larghe.

Chi è Thomas Stevens?

Thomas Stevens nacque nel 1854 in Inghilterra. Nel 1871, lui e il fratellastro migrarono in America, tutti gli altri parenti li raggiunsero un paio di anni dopo. Si stabilirono a San Francisco, dove Stevens imparò a guidare una bicicletta.

via Wikimedia Commons

Dopo aver comprato un biciclo - un tipo di bicicletta che ha una grande ruota anteriore e una piccola ruota posteriore - decise di intraprendere un viaggio avventuroso per tutta l'America. Le uniche cose che portò con sé furono un paio di calzini, un impermeabile che usava come tenda, una camicia e una pistola. Dopo aver appianato i suoi baffi alla moda, Thomas Stevens decise di intraprendere un viaggio incredibile che nessuno aveva mai fatto prima.

via Wikimedia Commons

America

Il viaggio iniziò nel 1884 a San Francisco. Stevens viaggiò in Nevada, Utah e Wyoming. Dopo aver raggiunto le 3.700 miglia, il ciclista visitò Boston.

Il suo viaggio di successo l'aiutò a diventare uno scrittore e ottenere un lavoro come corrispondente speciale per la rivista Outing, che lo mandò a Liverpool dove nel 1885 iniziò un secondo viaggio in bicicletta attraverso l'Europa.

Europa

Stevens viaggiò per la Francia, la Germania, l'Austria, l'Ungheria, la Slovenia, Serbia, Bulgaria, Romania e la Turchia.

Dopo una breve pausa a Costantinopoli, l'odierna Istanbul, proseguì il suo viaggio attraverso il Medio Oriente. In seguito, Stevens affrontò alcune sfide. Non potendo andare in Siberia perché gli era stato negato il permesso di viaggiare, il coraggioso ciclista dovette trovare un altro modo.

Asia

Dopo essere stato espulso dalle autorità locali per aver attraversato l'Afghanistan, decise di prendere un piroscafo per Baku, dove prese un treno per Batumi, poi tornò a Costantinopoli e infine raggiunse l'India.

Un'altra gita in barca, e Stevens tornò in biciclo, viaggiando attraverso la Cina dove, non avendo padronanza della lingua, affrontò molte difficoltà nel chiedere indicazioni.

Il viaggio di Thomas Stevens finì nel 1886 quando raggiunse Yokohama, in Giappone. Rientrò a casa, a San Francisco, nel 1887 con l'espressione di trionfo e sfinimento sul viso.

via Wikimedia Commons

Ciclista straordinario

Considerata la minima quantità di equipaggiamento, nessun GPS e le condizioni di viaggio povere di quell'era storica, il successo che raggiunse quest'uomo è davvero notevole.

Thomas Stevens ritornò in patria nel 1895. Divenne direttore del Garrick Theatre a Londra e condusse una vita tranquilla con sua moglie, Frances Vanbrugh.