Sintomi premonitori di emorragia gastrointestinale a cui prestare attenzione

Salute e Stile di vita

Il sanguinamento gastrointestinale (GI) è un segno di patologia o affezione dell'apparato digerente; l'emorragia può verificarsi in qualsiasi parte del tratto gastrointestinale (= digestivo) e può essere acuta (accade improvvisamente e può essere grave) o cronica (è lenta e sporadica). La gastrite porta molto spesso a questa condizione; molte persone si trovano ad affrontare questa malattia dello stomaco, quindi informati sui sintomi guardando il video qui sotto.

L'emorragia del tratto GI superiore (che si verifica nel tratto gastrointestinale superiore) è più comune rispetto al emorragia GI inferiore (che si verifica nel tratto gastrointestinale inferiore). Circa 100.000 statunitensi ogni anno vengono ricoverati con emorragia del tratto gastrointestinale superiore.

Le emorragie del tratto GI inferiore rappresentano circa il 20%-30% dei casi di emorragia GI nei paesi occidentali. Il rischio di emorragia gastrointestinale è due volte più alto negli uomini rispetto alle donne.

I sintomi dell'emorragia gastrointestinale sono i seguenti:

  • feci scure o catramose;
  • presenza di sangue chiaro o scuro nelle feci;
  • presenza di sangue vivo nel vomito;
  • vomito che sembra fondo di caffè;
  • crampi addominali;
  • stordimento;
  • stanchezza;
  • pallore;
  • respiro corto;
  • debolezza

L'emorragia acuta del tratto gastrointestinale può portare rapidamente allo shock; è considerata un'emergenza medica. Chiama immediatamente l'ambulanza se riscontri i seguenti sintomi o qualcuno intorno a te li ha:

  • calo della pressione sanguigna;
  • diminuzione o assenza di minzione;
  • aumento del battito cardiaco;
  • perdita di coscienza;

Guschenkova / Shutterstock.com

Alcune condizioni causano sanguinamento cronico del tratto gastrointestinale, che può portare ad anemia (= basso numero di globuli rossi) a lungo andare. I sintomi dell'anemia includono stanchezza e mancanza di respiro.

Molte condizioni possono causare emorragia gastrointestinale. Di seguito l'elenco dei più comuni:

  • ulcera peptica;
  • polipi del colon;
  • emorroidi;
  • tumori (sia benigni che maligni);
  • colite;
  • gastrite;
  • esofagite;
  • malattia diverticolare;
  • angiodisplasia (vasi sanguigni anormali o dilatati nel tratto digestivo)

La prevenzione del sanguinamento gastrointestinale si basa sul trattamento della condizione GI sottostante.

Fonte: Fonte: NIDDK, Mayo Clinic


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico e, in ogni caso, consulta sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.

Raccommandiamo