Vaginite atrofica: sintomi, cause, fattori di rischio e cura

STILE DI VITA & COMMUNITY

Vaginite atrofica: sintomi, cause, fattori di rischio e cura

Date January 12, 2018 14:13

Durante la menopausa, nel corpo delle donne si verificano molti cambiamenti. Sono causati da un calo degli ormoni femminili chiamati estrogeni. Uno di quei cambiamenti è la secchezza vaginale.

Il termine medico per indicare il disturbo è vaginite atrofica ed è comune nelle donne in menopausa, anche se non tutte le donne la sviluppano dopo la cessazione del ciclo mestruale. Altri disturbi e determinati trattamenti possono anch'essi provocare secchezza vaginale.

Esistono cure e altre misure che è possibile adottare per alleviare i sintomi della vaginite atrofica.

Sintomi della vaginite atrofica

Oltre alla secchezza vaginale, segnali e sintomi della vaginite atrofica possono includere i seguenti:

  • sensazione di bruciore e prurito alla vagina;
  • restringimento o accorciamento del canale vaginale;
  • dolore durante i rapporti sessuali, che può rendere la donna riluttante a dedicarsi all'attività sessuale col partner;
  • leggero sanguinamento dopo i rapporti sessuali;
  • frequente necessità di urinare;
  • sensazione di bruciore al momento di urinare;
  • ricorrenti infezioni al tratto urinario.

Molte donne non parlano del problema al proprio medico. Se presenti i sintomi descritti qui sopra, discutine col ginecologo. Ti consiglierà le migliori cure e altri metodi per alleviarli.

Cause della vaginite atrofica

La vaginite atrofica si sviluppa a causa di un declino della produzione di estrogeni. Oltre che dalla menopausa, un calo nei livelli di estrogeni può essere causato da:

  • ooforectomia (rimozione chirurgica delle ovaie);
  • cure per il cancro (comprese chemioterapia, radioterapia pelvica e terapia ormonale per curare il cancro al seno).

I livelli di estrogeni possono anche abbassarsi per un po' di tempo dopo il parto.

Fattori di rischio della vaginite atrofica

È più probabile che una donna sviluppi vaginite atrofica se:

  • fuma;
  • non ha mai partorito o ha partorito con taglio cesareo;
  • non è sessualmente attiva.

Cura della vaginite atrofica

Se soffri di vaginite atrofica, consulta il medico per scegliere la cura più adeguata. Inoltre, puoi provare a seguire questi consigli per alleviare il disagio:

  • indossa intimo di cotone;
  • evita di usare saponi profumati, deodoranti e altri prodotti profumati per le parti intime;
  • applica un lubrificante prima dei rapporti sessuali per evitare attriti;
  • prova una lozione idratante vaginale da banco a base d'acqua (accertati di non essere ipersensibile o allergica a qualche ingrediente, prima di applicarla).

La vaginite atrofica può essere molto spiacevole e non è necessario sopportare i suoi sgradevoli sintomi. Esistono moltissimi modi per alleviare questo disturbo.

Fonte: Mayo Clinic, HealthLine, WebMD Boots


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.