Cos'è un infarto silente e come capire se una persona l'ha avuto

Salute e Stile di vita

Che cos'è un infarto silente?

Come ci si sente quando si viene colpiti da un infarto? Potresti pensare a un forte dolore al petto e perfino alla perdita di coscienza che causa una brusca caduta se il soggetto è in piedi. Bene, questa sembra essere una versione ingigantita di un vero infarto.

Un infarto può avvenire in maniera asintomatica, ma comunque aumentare il rischio di morte cardiaca. Tra l'altro, gli infarti silenti rappresentano circa il 45% di tutti gli infarti, secondo la rivista dell'American Heart Association, e spesso non vengono diagnosticati. Ecco perché è molto importante conoscere più a fondo questo evento patologico e i suoi fattori di rischio.

La maggior parte degli infarti silenti è diagnosticata grazie agli elettrocardiogrammi di routine. I soggetti che l'hanno sperimentato solitamente non ne sono consapevoli. Alcuni pazienti hanno fatto presente che il loro malessere è stato scambiato per dolori muscolari, indigestione oppure una forte influenza.

Fattori di rischio per l'infarto silente

Ci sono parecchi fattori che potrebbero aumentare il rischio di subire un infarto. I più significativi sono i seguenti:

  • tabagismo;
  • storia familiare di patologie cardiovascolari;
  • età;
  • diabete;
  • livelli di colesterolo alti;
  • ipertensione;
  • obesità;
  • stile di vita sedentario.

Avere un infarto silente aumenta notevolmente il rischio di un altro infarto che potrebbe rivelarsi fatale. Forme differenti di infarti possono anche aumentare il rischio di gravi complicazioni, tra cui la morte cardiaca.

Quando rivolgersi al proprio medico

Se sei un soggetto potenzialmente a rischio, consulta il tuo medico per valutare le possibilità di sviluppare questa patologia. Potrebbe prescriverti delle cure specifiche per ridurre il rischio di essere colpito da un infarto silente.

Se temi di aver avuto un infarto silente, recati al pronto soccorso. C'è solo un sistema certo per confermare i tuoi sospetti e spetta a un medico specialista. Gli esami di diagnostica per immagini, come l'ecocardiogramma e l'elettrocardiogramma, sono in grado di rilevare eventuali anomalie cardiache. Il tuo medico potrà anche valutare la tua anamnesi e i tuoi sintomi per prescriverti la cura più efficace.

Meglio prevenire che curare.

Fonte: HealthLine, Mayo Clinic, Harvard Health6 Tips That May Help To Get Rid Of Sagging Skin On Arms And Legs


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.