Fare la pipì troppo spesso: 9 possibili cause di questo sintomo

Fare la pipì troppo spesso: 9 possibili cause di questo sintomo

Stile di vita & Community

February 19, 2018 11:13 By Fabiosa

Gli adulti urinano circa 8 volte al giorno, in media. Ci sono però alcuni fattori che possono indurre a fare la pipì più spesso, e che possono avere un impatto sulla quantità, minore o maggiore, di urina prodotta. La maggior parte delle volte, dover andare in bagno frequentemente non è un problema serio. In alcuni casi invece, specialmente se sono presenti anche altri sintomi, si dovrebbe far ricorso al medico. Le cure dipenderanno dalla causa e potranno comportare, tra le altre cose, medicinali, allenamento della vescica, esercizi di Kegel e anche cambiamenti nelle abitudini alimentari.

Vi elenchiamo vari fattori che possono causare un bisogno più frequente di recarsi in bagno:

Una vescica iperattiva

La vescica iperattiva è una condizione molto comune - circa il 40 per cento delle donne ne sono affette. Avere una vescica iperattiva significa avere uno stimolo incontrollabile a fare la pipì e difficoltà a trattenere anche una piccola quantità di urina. Il medico può raccomandare esercizi per la pelvi che vanno effettuati per terra (comunemente noti come Kegel), modifiche nell'assunzione di liquidi e un cronometraggio dei "viaggi in bagno". Se tutto ciò non dovesse essere d'aiuto, il medico prescriverà probabilmente dei medicinali che consentiranno alla vescica di trattenere più urina.

Ansia

L'ansia può comportare sintomi fisici, come ad esempio fare pipì troppo spesso. Se si è ansiosi o stressati e si è presentato questo sintomo, affrontare la causa sottostante aiuterà a ridurre l'uso del bagno.

Infezione dell'apparato urinario

L'infezione del tratto urinario (UTI) è un'infezione che può coinvolgere qualsiasi parte del sistema urinario, che comprende reni, ureteri, vescica e uretra. Le UTI di solito si sviluppano quando i batteri nocivi (spesso E. coli, ma anche altri che normalmente vivono nelle viscere) entrano nell'uretra, viaggiano fino alla vescica e lì si moltiplicano. I sintomi più comuni includono, oltre a fare la pipì più spesso, sangue nelle urine e dolore o bruciore quando si urina. Le UTI sono solitamente trattate con antibiotici.

Bere troppo

Se bevete molti liquidi durante il giorno, produrrete più urina, perciò fare pipì con più frequenza è una conseguenza inevitabile. Le bevande che possono indurci a urinare più spesso sono alcol, tè e caffè. L'abuso di queste bevande sarebbe quindi da evitare il più possibile, in modo da limitare l'uso del bagno.

Alcune medicine

Quando si assumono diuretici (medicinali comunemente usati per trattare l'ipertensione), i reni iniziano a produrre più urina in periodi più brevi, facendoci quindi urinare più spesso. Una classe di farmaci chiamati anticolinergici può causare lo svuotamento incompleto della vescica, facendoci sentire come se dovessimo sempre fare pipì.

Il diabete

Per alcuni, avere tanta sete e dover quindi fare pipì più spesso è uno dei primi segni di diabete. Mangiare molti cibi ricchi di zuccheri, anche se non si ha il diabete, può essere causa di una minzione frequente. Se i livelli di zucchero nel sangue sono troppo alti, i reni non riescono a gestirli tutti, e saranno espulsi con l'urina, sottraendo più fluidi dai tessuti.

Altre cause di minzione frequente sono le seguenti:

  • i muscoli del pavimento pelvico indeboliti dopo il parto;
  • negli uomini, iperplasia prostatica benigna (ingrossamento della prostata) e prostatite (infiammazione della prostata);
  • calcoli della vescica o dei reni;
  • costipazione;
  • un tumore addominale che preme sulla vescica.

Se il sintomo persiste ed è accompagnato da altri sintomi, come bruciore, dolore o sangue nelle urine, riferire immediatamente al medico quel che sta accadendo.

Fonte: HealthLine, Mayo Clinic, Prevention


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.