L'ulcera gastrica è una patologia diffusa che può colpire molte persone. È una forma di ulcera peptica, che si verifica con la comparsa di piccoli fori o lesioni sulla parete interna dello stomaco o dell'intestino tenue. Provoca dolore bruciante e tagliente nella zona addominale, e colpisce circa un americano su dieci. Questi dolori sono provocati dalla perforazione del rivestimento che protegge sia lo stomaco che l'intestino, coinvolti nella produzione di acido gastrico durante la digestione.  

I fattori di rischio cui prestare attenzione

Il nostro corpo produce acido per digerire il cibo e proteggersi dai batteri nocivi. Lo stomaco è protetto da uno strato di mucosa che può essere a rischio di erosione a causa dei seguenti fattori:

  1. Uso frequente di alcuni farmaci antinfiammatori come l'ibrupofene e l'aspirina.
  2. Consumo eccessivo di alcool e tabacco.
  3. Scarsa igiene, che può causare la comparsa di vari batteri nocivi.
  4. Utilizzo di steroidi.
  5. Genetica.
  6. Età: l'ulcera gastrica colpisce più frequentemente le persone over 50, ma può manifestarsi a qualsiasi età.

È importante prestare attenzione allo stile di vita e ai cambiamenti che esso può apportare allo stato generale di salute.

Il fattore di rischio maggiore, che può presentarsi in molte persone, è la sovrapproduzione di succhi gastrici. In questo caso, si consiglia di ridurre al minimo l'assunzione di farmaci antinfiammatori (FANS). Spesso, i medici possono suggerire alternative efficaci ai FANS, più adeguate alla condizione di stomaco e intestino.

Avvisaglie

Le ulcere gastriche si possono trattare, ma è fondamentale essere a conoscenza dei sintomi associati alla loro comparsa. Prima si riuscirà a individuarne i sintomi iniziali, maggiori saranno le possibilità di ridurre ai minimi termini i rischi e a impedire alla patologia di diffondersi ulteriormente.

I sintomi più comuni sono:

  • reflusso gastrico;
  • mal di stomaco;
  • indigestione;
  • perdita di peso;
  • nausea;
  • bruciore di stomaco;
  • perdita di appetito.

A volte, i sintomi sopra elencati potrebbero non comparire o essere di leggera entità. Tuttavia, ci sono altri fattori preoccupanti che preannunciano l'insorgere del problema:

  • dolore intenso allo stomaco;
  • feci sanguinanti o vomito.

In caso di comparsa di una combinazione dei sintomi sopra elencati, si consiglia di consultare il medico quanto prima. Ricorda: le ulcere sono facilmente trattabili, soprattutto nelle fasi iniziali.

Quando consultare il medico

Come detto precedentemente, il campanello d'allarme della patologia è la combinazione dei sintomi che si verificano con più frequenza. Qualsiasi fastidio insolito avvertito dopo il consumo di cibo, come bruciore o mal di stomaco, è un brutto segno, soprattutto se cominciano a comparire sempre più spesso.

Occorre fare tutto il possibile per impedire alle ulcere di progredire e sanguinare. Potrai accorgertene dalle feci o dal vomito associati a forti dolori. Nei casi peggiori, potrebbe essere necessario l'intervento chirurgico, ragion per cui è fondamentale essere a conoscenza dei sintomi principali dell'ulcera gastrica.

Tuttavia, tenendo sotto controllo l'alimentazione e lo stile di vita, si può impedire all'ulcera di svilupparsi. Cerca di evitare i fattori di rischio citati in precedenza, come il consumo eccessivo di alcool e FANS. Inoltre, un'alimentazione adeguata può ridurre in modo significativo il rischio di sviluppare la patologia e favorire una corretta digestione. Prendi in considerazione la possibilità d'introdurre nella tua alimentazione alcuni dei seguenti cibi:

  1. Yogurt probiotico, che protegge il corpo dai batteri nocivi.
  2. Frutta e verdura, che sono ricche di antiossidanti e hanno proprietà antinfiammatorie.
  3. Cibi ricchi di fibre, che generalmente riducono il rischio di sviluppare ulcera gastrica.
  4. La vitamina C è il più potente antiossidante, presente in frutta e verdura, che possa fermare i batteri.
  5. Alimenti ricchi di zinco, come la carne di manzo, le ostriche e gli spinaci, che favoriscono il sistema immunitario in generale.

Presta attenzione a qualsiasi cambiamento avvenga nel tuo corpo e prenditi cura di te; il problema, prima di diventare serio, ti darà delle avvisaglie.

Fonte: HealthLine, MedicalNewsToday, WebMD


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.

Raccommandiamo