"Fu difficile!" Priscilla, l'ex moglie del defunto Elvis Presley, finalmente parla degli ultimi giorni del cantante

Celebrità

March 22, 2018 19:48 By Fabiosa

Il leggendario Elvis Presley è ormai morto da più di quattro decenni, ma sulla sua vita continuano a emergere nuovi dettagli. Questa volta, l'ex moglie Priscilla svela alcuni particolari sugli ultimi giorni del "Re del Rock and Roll".

gettyimages

Elvis e Priscilla

Priscilla aveva solo quattordici anni quando incontrò Elvis. Lui aveva dieci anni più di lei ed era già una superstar. Si corteggiarono per otto anni, poi si sposarono nel 1967. Anche da sposato, si sa che Elvis ebbe storie con altre donne, comprese le sue co-protagoniste.

gettyimages

Un anno dopo il matrimonio, Priscilla diede alla luce la loro prima e unica figlia, Lisa Marie. La coppia finì col divorziare nel 1973. All'epoca Elvis era già notevolmente dipendente dalle droghe. Anche la sua costante infedeltà giocò un ruolo nella loro separazione.

Elvis Presley morì nel 1977, all'età di quarantadue anni. Nonostante non fosse più sposata con lui, Priscilla gli restò accanto nei suoi ultimi giorni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"I’d daydream about how it would be." #ElvisPresley

 

 

A post shared by Elvis Presley (@elvis) on

 

 

Come furono i suoi ultimi giorni per chi gli era intorno

Elvis era fortemente dipendente dai farmaci. Ora, Priscilla parla del dolore provato per come la sua dipendenza lo portò a una tragica morte.

Fox News ha riferito che Priscilla, che è stata tra i produttori di un documentario che rende tributo a Elvis dal titolo "Elvis Presley: The Searcher", ha parlato dei problemi di abusi di sostanze dell'ex marito in occasione della prima del film in Texas.

Fu difficile per tutti noi. Di certo non ce l'aspettavamo. Ma di certo avevamo visto il cammino che aveva intrapreso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Happy Father's Day!

 

 

A post shared by Elvis Presley (@elvis) on

 

 

Ha poi parlato della tendenza di Elvis a rifiutarsi di ascoltare chi lo circondava, quando gli venivano dati dei consigli.

La gente dice: "Beh, perché nessuno fece niente?". Ebbene, non è vero. Le persone a lui più vicine fecero qualcosa, ma non era possibile dire a Elvis Presley cosa fare. Non potevi. Voglio dire, venivi cacciato più velocemente di un gatto graffiato. Ci provarono e non ci fu niente da fare. Lui sapeva cosa stava facendo.

gettyimages

Durante la prima del documentario, che si è svolta al South by Southwest Film Festival (SXSW), Priscilla ha rivelato che Elvis cominciò ad essere dipendente dalle pillole quando era nell'esercito americano, stanziato in Germania.

Le davano ai soldati per tenerli svegli. Lui era di guardia, a quel tempo. C'erano manovre che doveva eseguire a tarda notte, così ai ragazzi venivano date delle pillole, e fu così che cominciò a prenderle. E se prendi un sonnifero, devi fare qualcosa per riuscire a svegliarti... Lui si trovava in un terreno inesplorato, davvero, e fece questo e tentò di farlo da solo.

Il documentario "Elvis Presley: The Searcher" racconta gli esordi del cantante, la sua crescita e le ultime registrazioni effettuate nella Jungle Room della sua tenuta di Graceland, nel Tennessee.

Come morì Elvis?

La leggenda del rock and roll morì in casa. Collassò nel pomeriggio del 16 agosto 1977. Fu portato in ospedale, ma i medici non riuscirono a rianimarlo.

gettyimages

L'autopsia rivelò che Elvis era morto per un attacco di cuore. Ma, un paio di mesi dopo, un rapporto tossicologico raccontò una storia diversa. A quanto pare, Elvis aveva in circolo nell'organismo ben quattordici farmaci, a livelli pericolosamente alti.

Il medico personale di Elvis, il dottor George Nichopoulos, comunque, sostenne che Elvis morì per cause naturali e non per un'overdose. A seguito del rapporto tossicologico, fu avviata un'indagine sulla morte di Elvis e sul dottor Nichopoulos.

Più tardi, le prove dimostrarono che il dottor Nichopoulos aveva prescritto a Elvis almeno 8.805 pillole, compresse, flaconi e iniezioni nel corso degli ultimi mesi di vita del cantante. Il medico insistette nel sostenere di averlo fatto solamente per aiutare Elvis a combattere la sua dipendenza dagli antidolorifici.

Nel 1980 il dottor Nichopoulos fu arrestato e accusato di aver prescritto quantità di farmaci eccessive, ma più tardi fu assolto. Morì nel febbraio 2016, all'età di ottantotto anni.