Una mamma racconta la triste storia della sua bambina

Le donne che hanno sofferto la perdita di un bambino non rimarranno indifferenti a questa tragica storia. Per Markie Ostler non è stato facile condividerla. Ha però deciso di farlo, in modo da sensibilizzare altri genitori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Допис, поширений Markie Ostler (@meeteverlyjo)

 

"Com'era possibile che mia figlia apparisse così perfetta e che invece stesse così male?"

Markie Oster non avrebbe mai pensato che sarebbe diventata una "mamma spersa". Questa donna aveva 23 anni quando conobbe suo marito Andrew. Avevano iniziato a frequentarsi e un anno dopo, si erano sposati. Gli amici definiscono il loro matrimonio "un perfetto equilibrio". Un anno dopo, Markie ha dato alla luce un figlio, Urban.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Допис, поширений Markie Ostler (@meeteverlyjo)

 

Markie ha sempre voluto avere una famiglia numerosa con molti bambini vicini di età. Un anno dopo la nascita di Urban, scoprì di essere nuovamente incinta. A differenza della prima gravidanza, però, la donna ebbe alcune complicazioni che la preoccuparono.

Invece, dopo la prima ecografia, fu molto felice di vedere un piccolo e perfetto girino con un forte battito cardiaco. Una delle ecografie dimostrò che Markie stava aspettando una bambina.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Допис, поширений Markie Ostler (@meeteverlyjo)

 

Dopo svariati mesi, Markie dovette fare un'ecografia anatomica dettagliata della sua bambina per assicurarsi che non ci fossero sorprese alla nascita. La notte prima dell'ecografia, Markie riuscì a malapena a dormire. Era tormentata dalla strana sensazione che stesse per accadere qualcosa di terribile.

Dopo avere effettuato l'ecografia, il medico le disse le fatidiche parole che lei non avrebbe mai dimenticato: "Devo comunicarle che intravedo un problema..."

Il dottore le spiegò che aveva visto delle anomalie nel cuore della bambina e aveva aggiunto che la piccola avrebbe dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico molto complicato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Допис, поширений Markie Ostler (@meeteverlyjo)

 

Markie chiamò subito suo marito, che era fuori città per lavoro, e gli disse quello che le aveva comunicato il dottore. Si mise a piangere al telefono:

"A volte alle persone capitano cose orribili cui non possono sottrarsi e oggi è il nostro turno. Lo sapevo che c'era qualcosa che non andava. Lo sentivo sin dall'inizio".

Nelle successive settimane di attesa, Markie pensava solo al futuro intervento chirurgico e alla sua piccola bambina. La madre disperata continuava a chiedersi:

Sarà spaventata? Soffrirà? Conoscerà solo l'interno di un ospedale? Potrò averla in questa vita? La potrò avere per alcune ore? Giorni? Settimane? Mesi? Anni?

Una perdita tragica

La bambina è nata nel mese di novembre 2017. I suoi genitori scelsero un bellissimo nome per il loro angioletto - Everly Jo Ostler. Mentre osservava la sua bambina, Markie si poneva in continuazione la stessa domanda:

Era bellissima. Era assolutamente perfetta. Come poteva apparire così perfetta e allo stesso tempo essere malata?

 

 

 

 

 

 

 

 

Допис, поширений Markie Ostler (@meeteverlyjo)

 

 

 

Poco dopo la nascita, la piccola Everly Jo fu sottoposta al suo primo intervento a cuore aperto. Fu un successo. Dopo poche settimane, la bambina fu sottoposta al secondo intervento chirurgico. Everly era finalmente in grado di respirare da sola. Ogni giorno che passava, continuava a diventare più forte. I genitori l'hanno definita una vera benedizione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Допис, поширений Markie Ostler (@meeteverlyjo)

 

Everly Jo trascorse il mese successivo in ospedale. Markie era felicissima di tenere in braccio sua figlia e sognava il momento in cui avrebbe potuto portarla a casa.

La famiglia ha festeggiato il Natale nella stanza d'ospedale di Everly Jo. Pochi giorni dopo, Markie si diresse verso casa per fare una doccia. Aveva in programma di tornare in ospedale dopo alcune ore. Improvvisamente però, ricevette una telefonata dal medico, che le disse di tornare immediatamente all'ospedale.

Il viaggio verso l'ospedale fu terribile. Andrew e io stavamo entrambi in silenzio. Pregavamo che Everly si riprendesse e che stesse meglio, al nostro arrivo in ospedale.

Quando i genitori entrarono nella stanza di Everly, videro che c'erano circa 20 medici che la circondavano. Uno dei medici disse a Markie che stavano cercando di rianimare Everly da quasi un'ora e che, anche se fossero riusciti a far battere di nuovo il cuore, non erano sicuri che non si fosse verificato un danno celebrale.

I dottori cercarono di salvare la vita di Everly per svariate ore. I genitori rimasero nella stanza con lei, quando uno dei chirurghi alzò le braccia e disse: "Mi dispiace. Non possiamo fare altro".

Everly Jo morì. L'intero staff medico si diresse con le lacrime agli occhi dai genitori devastati, dicendo loro quanto fossero dispiaciuti.

"Riuscivo a sentire che il suo spirito non era più nel corpo. Non era più con noi. Sono certa che alcune mamme potrebbero passare ore e ore con il corpo del loro bambino, ma io non ce la facevo. Non era più lei, ormai."

Il giorno seguente, Markie era impegnata a organizzare il funerale. Sono passati alcuni mesi dalla morte di Everly Jo e a volte la donna si chiede come sia ancora in grado di respirare.

"Non ho mai voglia di alzarmi dal letto, sono quasi sempre triste per me stessa, ma ogni giorno che passa sono sempre più grata. Sono grata che mi siano state date quasi 5 settimane con lei, quando so che alcune madri non hanno neppure avuto un giorno insieme al loro bambino."

Oggi, Markie comunica che la sua missione nella vita è quella di sensibilizzare le persone su questa malattia che ruba così tante vite ai bambini. Questa donna vuole trovare una cura, in modo che nessun altro genitore debba sentire il dolore che hanno sofferto sia lei che suo marito.

Non abbiamo potuto trattenere le lacrime dopo aver ascoltato la storia di Markie. Se volete condividere i vostri pensieri a riguardo, saremo lieti di leggerli nei commenti.

Raccommandiamo