Cos'è la proctite?

La proctite è una malattia poco piacevole, che compare quando il tessuto che riveste le pareti interne del retto s'infiamma, provocando fastidio e dolore. Se hai la proctite, potresti avere la sensazione continua di dover defecare. I sintomi di questa condizione possono avere breve durata, ma a volte il problema può diventare cronico. Sono molti i fattori che possono causarla, ad esempio le malattie infiammatorie intestinali. La patologia va trattata apportando cambiamenti nello stile di vita e con l'assunzione di farmaci.

Le cause della proctite

Nella maggior parte dei casi, la proctite è causata da altre condizioni mediche, tra cui:

  • il morbo di Crohn;
  • la colite ulcerosa;
  • le infezioni sessualmente trasmissibili;
  • un trauma anale;
  • le infezioni al retto;
  • la radioterapia per il cancro.

Circa il 30% delle persone con malattie infiammatorie intestinali ha anche la proctite.

I sintomi della proctite

La proctite può provocare vari sintomi spiacevoli e dolorosi, che, solitamente, includono quanto segue:

  • sensazione di aver bisogno di smuovere l'intestino;
  • sanguinamento rettale;
  • dolore rettale;
  • diarrea;
  • sensazione di pienezza nel retto;
  • dolore durante i movimenti intestinali.

Se durante un movimento intestinale noti del sanguinamento e del muco, provi dolore intenso e hai la diarrea, richiedi assistenza medica immediata.

La proctite può comportare serie complicanze, ad esempio una grave emorragia o un'anemia. Se hai la diarrea potresti anche soffrire di disidratazione. Perciò, se avverti debolezza, vertigini, difficoltà respiratorie e mal di testa, recati subito al pronto soccorso.

Cosa fare per alleviare i sintomi della proctite?

Apportare alcuni cambiamenti nello stile di vita può aiutare ad alleviare il dolore.

  1. Modifica l'alimentazione: cerca di evitare cibi piccanti, acidi e grassi. Un'alimentazione insipida e leggera può alleviare il dolore derivante dalla proctite. Bevi abbastanza acqua per facilitare il passaggio delle feci, evita bevande gassate, caffè e tè, perché possono irritare il tuo apparato digerente.
  2. Traccia i tuoi sintomi: scrivi un diario alimentare per avere un quadro preciso di ciò che mangi quotidianamente. Ti aiuterà a capire le cause scatenanti della patologia. Ad esempio, se noti che i sintomi peggiorano dopo aver bevuto latte, puoi provare a consumare latticini senza lattosio.

È fondamentale discutere il prima possibile col medico di tutti i sintomi, poiché un trattamento precoce aiuta a prevenire complicazioni. 

Fonte: Healthline, MayoClinic, WebMD


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.

Raccommandiamo