Sintomi allarmanti e fattori di rischio del più letale tipo di infarto

Se guardi la serie televisiva di successo This Is Us, probabilmente hai familiarità con il termine "widowmaker" (letteralmente, creatore di vedove); Jack Pearson, un personaggio della serie, muore per un attacco di cuore di questo tipo poco dopo aver salvato la sua famiglia da un incendio. Nel caso di Jack, l'inalazione di fumo è stata l'innesco del micidiale infarto, ma contrariamente a quanto suggerisce il suo nome, gli attacchi di cuore di questo tipo possono colpire persone di entrambi i sessi e non sempre sono mortali. Inoltre, possono essere innescati da altre cose, non solo dall'inalazione di monossido di carbonio.

L'attacco di cuore "Widowmaker", il cui termine è stato coniato dai cardiologi americani, viene chiamato così quando si verifica un blocco completo nell'arteria discendente anteriore (LAD), che è una delle tre principali arterie del cuore e che svolge principalmente il compito di fornire sangue al suddetto organo. Se l'arteria si blocca, una grande porzione del cuore può danneggiarsi molto rapidamente e ciò può rapidamente degenerare in arresto cardiaco. Rispetto ai blocchi che interessano le altre due arterie, un blocco nell'arteria discendente anteriore è solitamente il più mortale.

Come accennato in precedenza, gli attacchi di cuore di questo tipo non sono sempre mortali. Per illustrare il punto: Bob Harper, un noto personal trainer, è sopravvissuto a questo tipo di infarto. Si sentì male all'improvviso durante un allenamento, ma una persona che era presente con lui in quel momento capì cosa stava succedendo e riuscì ad eseguire la RCP (rianimazione cardio polmonare). Harper è stato fortunato, perché la palestra aveva anche a disposizione un defibrillatore automatico esterno (AED); è stato soccorso prontamente - pochi minuti dopo l'insorgenza dei sintomi - ed è stato portato velocemente in ospedale.

Quando si verifica un infarto devi agire velocemente. Quindi vorremmo ricordarti i sintomi di questo evento potenzialmente fatale:

  • dolore acuto e senso di oppressione al petto;
  • dolore che si irradia nella parte superiore della schiena, della spalla, del braccio, del collo o della mascella;
  • respiro corto, che può verificarsi anche a riposo;
  • sudorazione abbondante;
  • indigestione e nausea;
  • improvvisa debolezza;
  • senso di testa vuota e vertigini.

A volte, le persone che hanno un attacco di cuore non avvertono dolore al petto, che rimane il sintomo più comune e riconoscibile. Questo è il motivo per cui alcune persone che hanno un infarto in corso non cercano aiuto immediatamente.

Alcune persone hanno più probabilità di altre di avere un attacco di cuore, incluso il tipo più pericoloso, il "widowmaker". I fattori che aumentano il rischio includono il fumo, una storia familiare o personale di attacchi cardiaci, colesterolo alto, ipertensione e diabete non adeguatamente sotto controllo.

È possibile sopravvivere a un attacco di cuore, anche se di questo tipo, se si ottiene un trattamento tempestivo. Se tu o qualcuno intorno a te ha sintomi che suggeriscono un attacco di cuore, chiama subito il 112 (numero unico di emergenza).

Per ridurre il rischio di avere un infarto, cura qualsiasi condizione possa rappresentare un rischio, fai esercizio fisico regolarmente, evita di fumare e segui una dieta sana.

Fonte: Michigan Medicine, Orlando Health, TIME


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.

Raccommandiamo