La donna che una volta salvò l'America e i capelli di un milione di donne, cacciata da Hollywood e morta per epatite in povertà

Veronica Lake, leggendaria attrice americana di cinema, teatro e TV, morì nel 1973 all'età di cinquant'anni. È conosciuta soprattutto per "I dimenticati", ma ha recitato in tantissimi film, tra cui "Sorority House", "All Women Have Secrets", "Young as You Feel", "La porta d'oro", "Signorine, non guadate i marinai", "La dalia azzurra", e tanti altri.

© This Gun for Hire (1942) / Paramount Pictures

Per la cronaca, Veronica Lake è famosa anche per aver preso parte a un documentario incentrato sui capelli delle donne; nel film, realizzato dal governo statunitense nel 1943, l'attrice spiegò cosa sarebbe potuto accadere alle lavoratrici delle fabbriche se non avessero legato o raccolto le loro chiome. È stata un punto di riferimento per il gentil sesso in tutto il mondo e il suo esempio evitò che si verificassero tragici incidenti sul posto di lavoro.

gettyimages

All'apice della fama e del successo, l'attrice si rifugiò nell'alcol per liberarsi dei sintomi della schizofrenia: un disturbo mentale diagnosticatole durante l'infanzia. Da quel momento, cominciò il suo declino.

gettyimages

Su Fox News, la giornalista Sue Cameron ha dichiarato: 

L'immagine che avevo di lei è di questa splendida e grande attrice dai bei capelli biondi che le coprivano un occhio. Ma mi sono ritrovata di fronte a una signora che sembrava una donna delle pulizie. Sono rimasta davvero sbigottita. Ho capito subito che si trattava di qualcuno con degli enormi problemi finanziari. Si vedeva chiaramente che avesse sofferto molto.

gettyimages

A quel punto della sua vita, Veronica era una persona completamente diversa, certamente non la stessa donna che era diventata una celebrità a Hollywood.

La Cameron ha aggiunto:

È sempre stata una ribelle. Sappiamo che non era molto gentile sui set, che inveiva contro le persone e i suoi coprotagonisti. Immagino sia questo il motivo per cui fu cacciata da Hollywood. Gli alcolisti sembrano avere un pulsante autodistruttivo. E le tante cose positive che accadono loro tendono a mandarle all'aria. Penso che l'abbia fatto intenzionalmente senza nemmeno saperlo.

gettyimages

Veronica Lake morì di epatite e in condizioni di povertà. E, come se non fosse abbastanza, al suo funerale parteciparono poche persone.

Raccommandiamo