Neonato abbandonato dalla madre in ospedale alla nascita, ma la sua storia ha un lieto fine

I dati sulle adozioni negli Stati Uniti

Secondo le statistiche dell'Adoption Network Law Center, ogni anno circa 140 mila bambini vengono adottati dalle famiglie americane.

Questo fattore interessa 6 americani su 10, nel senso che loro, un loro parente o un amico stretto è stato adottato, oppure hanno adottato a loro volta, o ancora hanno concesso un bambino in adozione.

Africa Studio / Shutterstock.com

Sfortunatamente alcune donne non sono intenzionate o non sono in grado di prendersi cura dei loro piccoli fin dalla nascita. Spesso però questi bambini finiscono per far parte di famiglia amorevoli e premurose, come nel caso di questo maschietto dell'Oklahoma.

La storia del piccolo W

Todd e Amy, una coppia dell'Oklahoma, pensava che la loro famiglia non fosse ancora al completo, nonostante avessero già dei figli. allora hanno deciso di adottare.

Il 25 novembre 2015 l'agenzia di adozioni a cui si erano rivolti ha dato loro ottime notizie. Un bimbo era disponibile per essere adottato, e i due potevano avere subito l'opportunità di conoscerlo.

Qualche ora prima, Todd aveva seguito un servizio giornalistico in tv che raccontava di un neonato abbandonato di corsa dalla madre sulla porta dell'ospedale, ancora col cordone ombelicale attaccato. 'Sarà lui?', si è chiesta la coppia.

Una volta giunti all'ufficio dell'agenzia, si sono resi conto che le loro sensazioni erano giuste. Era proprio lui! Immediatamente i due si sono recati alla struttura sanitaria per vedere il piccolo.

Dopo un breve periodo passato in ospedale, il piccolo è stato portato a casa dai suoi nuovi genitori. Il procedimento di adozione è stato completato un anno dopo, l'11 novembre 2016.

Come sta il bambino adesso?

Amy e Todd credono che il loro figlioletto sia stato un dono di Dio. Hanno deciso di condividere la loro storia in una pagina Facebook intitolata Through My Eyes (Attraverso i miei occhi), dove raccontano le esperienze del bambino dal suo punto di vista.

Per ragioni di privacy, la coppia non ha voluto diffondere il suo nome; si riferiscono a lui chiamandolo semplicemente W.

Offrono anche consigli e spunti a tutti coloro che sono interessati al tema dell'adozione. Ah, quanti ostacoli hanno dovuto affrontare prima che W diventasse ufficialmente loro figlio!

Questa famiglia è veramente fortunata! Auguriamo loro il meglio per il futuro!