Diventa un uomo ma partorisce: ora pretende di essere defini

VITA REALE

Diventa un uomo ma partorisce: ora pretende di essere definita "padre" sul certificato di nascita del figlio

Date July 25, 2019 18:20

Nel mondo in cui viviamo, il concetto di genere è in continua evoluzione. Ora, non si parla più solo di uomini e di donne ma esistono diverse sfumature d'identità.

Ad esempio, un soggetto transgender è una persona che possiede un'identità o un'espressione di genere che differisce da quella del sesso assegnato alla nascita.

Diventa un uomo ma partorisce: ora pretende di essere definita "padre" sul certificato di nascita del figlioAndrii Zastrozhnov / Shutterstock.com

Anche se sempre più persone si definiscono transgender, questa definizione non viene accettata da molti.

Infatti, coloro che non si etichettano né come maschi né come femmine sono spesso oggetto di maltrattamento e scherno. E un esempio è rappresentato dalla vicenda di cui vi raccontiamo oggi.

LEGGETE ANCHE: "Sono un miracolo:" 28enne soffre di fibrosi cistica ma partorisce 3 gemelli, sfidando tutti i pronostici

La lotta di Freddy per la libertà di essere padre

Come nel caso di molte transizioni 'da donna a uomo', Freddy McConnell ha deciso di mantenere il suo utero. Il giovane si è sottoposto ad inseminazione artificiale grazie ad un donatore e ha dato alla luce un bambino in ottima salute e che è la sua copia esatta.

Ma la vicenda si è complicata nel momento in cui era necessario stabilire chi fosse il padre e chi la madre della creatura.

Secondo la legislazione britannica che vige dal 1836, l'Ufficio Anagrafe Generale non può permettere a Freddy di includere il suo nome alla voce 'Padre' nel certificato di nascita del figlio senza indicare quello della madre.

L'enigma è sfociato in una battaglia legale contro il governo, e che è stata trascinata persino di fronte all'Alta Corte di Giustizia.

I legali di Freddy sostengono che il governo britannico stia violando i suoi diritti, forzando Freddy ad essere considerato la madre del bimbo, quando in realtà ora è un uomo.

Nel caso in cui vincesse la causa, il figlio di Freddy sarebbe il primo bambino in Gran Bretagna a non possedere il nome della madre sul certificato di nascita.

Inizialmente, il nome del giovane non compariva perché lui aveva chiesto di rimanere anonimo. Tuttavia, ha perso il diritto all'anonimato dopo aver realizzato un documentario sulla sua storia della sua vita.

LEGGETE ANCHE: Per 10 anni soffre di una malattia sconosciuta: poi, dei semplici operai scoprono che è stata avvelenata

Seahorse: il documentario

Il documentario è stato registrato a partire da tre anni fa e ha spiegato lo sviluppo della transizione di sesso. Vi ha partecipato anche la madre di Freddy, che gli è sempre rimasta al fianco, e anche il padre, più restio.

Il padre non riusciva a comprendere come volesse essere un uomo e, allo stesso tempo, vivere l'esperienza della gravidanza.

Seahorse è stato presentato anche al Tribeca Film Festival di New York City.

Poi, Freddy è stato intervistato da The Guardian, al quale ha rilasciato informazioni esclusive come il suo nome, indirizzo e dettagli medici sul suo cambiamento di genere.

La sentenza dell'Alta Corte di Giustizia influenzerà la possibilità di Freddy di cancellare il suo nome come madre dal documento. In ogni caso, ciò che conta di più è l'amore che prova per il figlio!

LEGGETE ANCHE: 25enne si sottopone a chemioterapia e doppia mastectomia: poi scopre che la diagnosi di tumore è sbagliata