"Dio si prenderà cura di me": a 4 anni, i genitori le hanno permesso di scegliere il proprio destino

Le storie di bambini malati toccano sempre il cuore, ma come ci si dovrebbe comportare se uno di loro sta soffrendo tantissimo e vuole solo che il dolore finisca? Una famiglia se lo è chiesto e la decisione che ha preso potrebbe non essere condivisa dalla maggior parte delle persone.

Una bambina di 4 anni ha deciso di morire

Michelle Moon ha dovuto preoccuparsi di sua figlia Julianna Snow da quando aveva appena 9 mesi. La piccola Julianna non riusciva neanche a sedersi correttamente, quando gli altri bambini invece iniziavano già a camminare.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michelle Moon (@julianna.yuri) in data:

LEGGETE ANCHE: Un bambino malato aveva scritto una lettera alla sua cantate preferita, ma solo dopo due mesi ha ricevuto una risposta davvero inaspettata

I dottori non riuscivano a dire se ci fosse qualcosa di sbagliato in Julianna o se fosse solo un ritardo nello sviluppo. Ma Michelle sapeva nel suo cuore che sua figlia stava peggiorando. Per camminare non poteva fare a meno di un deambulatore.

Quando ha compiuto 2 anni, i dottori hanno scoperto che soffriva della malattia di Charcot-Marie-Tooth, una patologia neurodegenerativa. Nei suoi nervi arrivavano impulsi troppo deboli, influendo negativamente sulle funzioni motorie.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michelle Moon (@julianna.yuri) in data:

Non esisteva una cura. Quello che è iniziato con l'incapacità di camminare, è progredito con respirazione affannosa. Inoltre, i muscoli responsabili della masticazione e della deglutizione erano troppo deboli, quindi Julianna doveva essere alimentata attraverso un tubo.

LEGGETE ANCHE: Soprannominato "super-umano" un bambino di 7 anni si è sottoposto ad un trapianto di cinque organi con molto successo!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michelle Moon (@julianna.yuri) in data:

Il tempo è trascorso, Julianna ha compiuto 4 anni e le visite all'ospedale erano diventate opprimenti. E poiché era arrivata al punto che non poteva tossire e respirare correttamente, il muco si stava depositando nei suoi polmoni causando una polmonite.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michelle Moon (@julianna.yuri) in data:

Ogni volta che era in condizioni critiche, i dottori erano in grado di salvarla eseguendo un'aspirazione nasotracheale, una procedura però straziante da sopportare per un bambino.

Alla fine, i medici hanno detto ai genitori della bambina che non c'erano altri modi per tenerla in vita: avrebbe dovuto sottoporsi a trattamenti terribili, che non le avrebbero comunque permesso di vivere a lungo.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michelle Moon (@julianna.yuri) in data:

LEGGETE ANCHE: Il coraggioso bambino con un'anomalia cardiaca ha sconfitto ogni pronostico e ora ha quasi tre anni!

Il cuore di Michelle è andato in pezzi al pensiero che sua figlia potesse soffrire durante i suoi ultimi istanti: quindi le si è seduta a fianco, chiedendole cosa desiderasse. La donna ha condiviso le loro parole nel suo blog personale:

Michelle: Julianna, se ti ammali di nuovo, vuoi andare di nuovo in ospedale o stare a casa?
Julianna: No, l'ospedale no.
Michelle: Anche se questo significa che andrai in paradiso se resterai a casa?
Julianna: Sì

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michelle Moon (@julianna.yuri) in data:

La piccola Julianna era così stanca della sua malattia, che ha deciso che avrebbe preferito andare in paradiso. La bambina di 4 anni non aveva paura, perché desiderava solo la pace:

Dio si prenderà cura di me. Lui è nel mio cuore.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michelle Moon (@julianna.yuri) in data:

Julianna Snow è vissuta abbastanza a lungo per arrivare al suo quinto compleanno, ma quello è stato l'anno in cui se n'è andata. Lo ha fatto in pace e circondata dalla sua famiglia. E finalmente si è liberata da tutto quel dolore.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Michelle Moon (@julianna.yuri) in data:

Reazioni diverse sui social media

Questa storia ha sollevato molti dibattiti sul fatto se sia etico lasciare che un bambino di 4 anni prenda una decisione relativa alla propria vita o morte.

Sembra molto discriminatorio che i suoi genitori la lascino morire. Lei aveva cinque anni. CINQUE.

Julianna Yuri Snow, grazie per aver mostrato a tutti noi il tuo fantastico spirito!

la prima reazione è dire che i genitori sbagliavano, ma se leggete la storia capirete che hanno lasciato che la loro preziosa bambina morisse sentendosi al sicuro

È una decisione difficile da prendere anche per un adulto. Molto triste, ma probabilmente la decisione giusta.

😢😢 5 anni... non riesco a immaginare come un bambino possa prendere tali decisioni.. È terribile.😢

Indipendentemente dalle opinioni della gente, la cosa più importante è che ora Julianna non soffra più e che il paradiso abbia un altro bellissimo angelo.

Che ne pensate di questa triste storia? Voi avreste preso una decisione del genere? Commentate e fatecelo sapere.

LEGGETE ANCHE: Bambino ha lottato contro il cancro abbastanza a lungo per conoscere la sorellina. La sua storia è un inno all'amore incondizionato

Raccommandiamo