Non era semplice prurito: dietro il fastidio di questa 24enne c'era una rara forma di cancro

Salute e Stile di vita

November 6, 2018 15:34 By Fabiosa

Tante volte il cancro produce dei sintomi che raramente associamo alla malattia, come ha potuto provare sulla sua pelle ultimamente Nadia Toffa, che ha scoperto di avere la malattia soltanto dopo aver avuto un mancamento durante una trasferta per il programma Le Iene.

Uno dei sintomi che non ci fa pensare a questo tremendo male è il prurito; chi penserebbe mai che possa indicare un tumore? In realtà, il prurito è sintomo di molti di essi e una giovane donna ha deciso di mettere in guardia altre persone dopo che la sua diagnosi non le è stata identificata nell'immediato.

Non era eczema, era cancro del sangue

All'inizio del 2016, Eleanor Rooney ha sviluppato un grave prurito per tutto il suo corpo. La donna è andata dal medico, credendo che fosse una forma di eczema: ne aveva già sofferto due anni prima.

Questo è esattamente ciò che pensavano anche i suoi medici. Le hanno prescritto vari trattamenti topici, ma non hanno funzionato.

Più tardi in quell'anno, a settembre, Eleanor ha trovato sotto la sua clavicola una piccola protuberanza. Fortunatamente, il nodulo è stato una ragione sufficiente per andare di nuovo dal dottore, il quale le ha trovato altri bozzi nel collo e l'ha fatta sottoporre ad alcuni test che hanno confermato il peggiore dei sospetti: la ragazza aveva un linfoma di Hodgkin, un raro cancro del sangue.

LEGGETE ANCHE: 15 campanelli d'allarme e sintomi del cancro cui prestare attenzione

Eleanor è rimasta senza parole quando ha saputo la notizia. Aveva solo 24 anni e godeva di ottima salute, come poteva esserle capitato? Parlando con il Cosmopolitan UK, ha affermato:

Fino a quel momento pensavo di essere in salute. Ero stata in palestra la settimana prima e mi sentivo completamente bene. Dopo essere uscita dallo studio dei medici sono passata per la sala d'attesa e sono corsa verso la macchina piangendo.

Fortunatamente, il tumore è stato rilevato relativamente presto, al secondo stadio, e la giovane donna ha iniziato subito il trattamento.

Dopo sei mesi di estenuante chemio, tutto si è risolto. Ora si sottopone a dei controlli ogni tre mesi e continua a fare la sua vita. Ma soprattutto, è riuscita a lasciarsi questa terribile esperienza alle spalle. Al Cosmopolitan UK ha anche aggiunto:

Ovviamente c'è sempre il timore che possa tornare, ma non credo di poter passare la mia vita a preoccuparmi solo di questo. Bisogna solo andare avanti.

Cos'è e quanto è comune il linfoma di Hodgkin?

Il linfoma di Hodgkin è un cancro che colpisce il sistema linfatico, una parte del sistema immunitario. È meno comune di quello non-Hodgkin: l'American Cancer Society ha stimato che nel 2018 lo hanno sviluppato 8.500 persone solo negli Stati Uniti.

Possono esserne affetti sia bambini che adulti, ma le persone a più alto rischio sono quelle in prima età adulta e quelle oltre i 55 anni.

Non era semplice prurito: dietro il fastidio di questa 24enne c'era una rara forma di cancroInspiring / Shutterstock.com

Stando a quanto riportato da Mayo Clinic, il linfoma di Hodgkin può includere i seguenti sintomi:

  • stanchezza cronica;
  • presenza di linfonodi ingrossati nelle ascelle, nel collo o nell'inguine;
  • forte prurito;
  • febbre;
  • sudorazione notturna;
  • inspiegabile perdita di peso;
  • maggiore sensibilità all'alcool, con dolore nei linfonodi dopo averlo consumato.

Non era semplice prurito: dietro il fastidio di questa 24enne c'era una rara forma di cancro

Se vi trovate ad avere anche solo uno di questi sintomi, rivolgetevi immediatamente al vostro medico personale. 

Sebbene il linfoma di Hodgkin sia una rara forma di cancro, questo non vuol dire che sia sbagliato fare un controllo. Sapevate di questa malattia del sangue? Diffondete l'articolo per spargere la voce con i vostri amici.


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.