8 segnali di rischio che indicano uno squilibrio ormonale e la necessità di vedere un dottore il prima possibile

Non dovremmo mai sottovalutare il potere degli ormoni, le molecole bioattive prodotte dalle nostre ghiandole. Queste minuscole sostanze svolgono un ruolo significativo nella regolazione di quasi tutti i processi fisiologici e comportamentali, come la digestione, la respirazione, il metabolismo, il sonno, la crescita, la riproduzione, ecc. Anche problemi minori con il sistema endocrino possono portare a problemi di salute estremamente gravi. Pertanto, è fondamentale determinare il problema per iniziare il trattamento il più presto possibile.

8 segni di squilibrio ormonale

Fortunatamente, il nostro corpo ci dice sempre se c'è qualcosa che non va. Così come compare la febbre in caso d'infezione, ci sono una vasta gamma di sintomi che possono indicare problemi con l'equilibrio ormonale e che non riguardano solo le nostre emozioni. Diamo un'occhiata più da vicino ai sintomi dello squilibrio ormonale.

1. Inspiegabile aumento o perdita di peso

Poiché gli ormoni sono responsabili della regolazione del metabolismo, eventuali alterazioni possono influenzare la capacità di bruciare calorie e conservarle sotto forma di grasso. Se hai notato improvvisi e rapidi cambiamenti nel peso corporeo che non riesci a spiegarti, la ragione potrebbe essere proprio imputata agli ormoni. Anche se in genere questo problema può essere corretto con una dieta sana, si raccomanda di consultare il medico per escludere malfunzionamenti delle ghiandole surrenali o della tiroide.

2. Grasso addominale.

Un altro problema specifico che può verificarsi con il peso corporeo è la comparsa di grasso nell'area addominale. Anche se è assolutamente normale avere dei piccoli depositi, specialmente nelle donne, alcuni potrebbero avere molto più grasso del normale nell'area viscerale. In molti casi il responsabile è il cortisolo, un ormone prodotto dalle ghiandole surrenali.

3. Disturbi del sonno.

Il progesterone è un ormone che ha effetto sul sonno e che, sfortunatamente, può innalzarsi prima del ciclo mestruale. Un aumento importante può rendere molto più difficile addormentarsi. È stato determinato che la diminuzione di estrogeno e progesterone, che tipicamente si verifica dopo il parto, può anch'essa influenzare significativamente il sonno ed è collegata alla depressione post parto.

4. Acne persistente.

Anche se la causa tipica dell'acne è un'infezione batterica che si verifica nei pori ostruiti, è noto che anche uno squilibrio ormonale può provocare acne in forma moderata e grave. Non c'è da meravigliarsi che sulla pelle di molte donne compaiano brufoli fastidiosi prima del ciclo mestruale, poiché è proprio durante questo periodo che l'equilibrio ormonale può risultare alterato.

5. Stanchezza costante.

Capita a tutti di sentirsi esausti, di tanto in tanto. Tuttavia, sentirti debole e stanca potrebbe essere sintomo di squilibrio della tiroxina, poiché quest'ormone, prodotto dalla tiroide, è responsabile dell'energia utilizzata dal corpo.

6.Calo del desiderio sessuale.

Qualsiasi squilibrio negli ormoni prodotti dalle ovaie può influenzare la libido. L'estrogeno è associato a un aumento del desiderio sessuale, mentre il progesterone riduce il desiderio sessuale. Pertanto, se il tuo desiderio sessuale è sempre anormalmente basso, potrebbe essere un segno dello squilibrio di questi due ormoni.

7. Eccessiva sudorazione e vampate di calore.

Questi sintomi sono ovviamente difficili da ignorare per ovvie ragioni. Eccessive sudorazioni notturne e vampate di calore nelle donne sono tipicamente associate alla menopausa. I sintomi hanno un impatto molto grave sulla qualità del sonno e possono anche causare depressione.

8. Morsi della fame.

Kalamurzing / Shutterstock.com

È stato scoperto che due ormoni, la leptina e la grelina, sono responsabili del nostro appetito. Proviamo fame se il livello di grelina aumenta, mentre la leptina diminuisce l'appetito. Lo squilibrio in questi due ormoni può portare a fitte di fame incontrollabili o a scarso appetito.

Ci sono molti più sintomi che possono essere collegati allo squilibrio ormonale: cambiamenti della pressione sanguigna e del polso, ginecomastia negli uomini, lattazione atipica nelle donne (che continua per diversi anni dopo il parto), problemi di fertilità, irsutismo nelle donne (crescita di peli in luoghi normali solo per gli uomini), gonfiore persistente, ecc.

Se hai notato uno dei sintomi descritti in questo articolo, ti consigliamo di consultare il medico di fiducia il prima possibile. L'equilibrio ormonale dovrebbe essere regolarmente monitorato perché oggigiorno i problemi endocrini si verificano molto spesso. Per prevenirli, puoi seguire una dieta sana e fare esercizio regolarmente. Inoltre dovresti abbandonare le cattive abitudini, come il fumo e il consumo di alcol, perchè sarebbe di grande aiuto. Abbi cura di te e rimani in salute!

                                                                              Fonti: HealthyAndNaturalWorld, Bustle, NaturalLivingIdeas


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.

Raccommandiamo