Amiloidosi renale: 6 campanelli d'allarme e chi è a rischio di essere colpito da questa p

Amiloidosi renale: 6 campanelli d'allarme e chi è a rischio di essere colpito da questa patologia estremamente pericolosa

Salute e Stile di vita

June 2, 2018 00:49 By Fabiosa

L'amiloidosi è una condizione nella quale una proteina anomala chiamata "amiloide" si accumula negli organi e nei tessuti. Può colpire il sistema nervoso, il cuore, il tratto gastrointestinale, il fegato e i reni. Le cause scatenanti non sono ancora chiare e i sintomi dipendono dall'organo che viene colpito. 

Tra tutte le cause di malattia renale, l'accumulo di amiloide è piuttosto raro, ma non deve'essere preso sotto gamba e va trattato adeguatamente. 

Magic mine / Shutterstock.com

Quali sono i sintomi dell'amiloidosi renale?

I reni fungono da filtro del corpo. Il loro compito è quello di rimuovere le scorie e l'acqua dal sangue e produrre urina. 

Quando l'amiloide si accumula nei reni, questi organi non funzionano come dovrebbero e può verificarsi un'insufficienza renale. I segnali e sintomi dell'insufficienza renale sono i seguenti: 

  • gonfiore nella parte inferiore del corpo a causa della ritenzione idrica; 
  • viso gonfio;
  • occhi gonfi; 
  • insolita sensazione di stanchezza; 
  • difficoltà respiratorie; 
  • aumento dei livelli di proteine nelle urine (albuminuria).

Se presenti questi sintomi, consulta il medico quanto prima. Possono essere causati da altri problemi renali, e il medico stabilirà cosa li stia provocando e il trattamento adeguato.

Chi è a maggior rischio di essere colpito dall'amiloidosi renale?

Alcune persone hanno più probabilità di esserne colpite. I fattori che mettono a rischio più elevato sono i seguenti: 

  • essere di sesso maschile, circa il 70% delle persone colpite sono uomini;
  • avere il mieloma;
  • età avanzata;
  • essere in dialisi;
  • essere di origini afroamericane; 
  • una storia familiare di amiloidosi. 

Diagnosi e trattamento dell'amiloidosi renale

Romolo Tavani / Shutterstock.com

Il dottore procederà con l'esaminare la tua cartella clinica per poi eseguire una visita medica; ti chiederà i sintomi avvertiti e prescriverà un esame del sangue e/o delle urine per verificare eventuali livelli anomali di proteine.

Può essere fatta anche una biopsia (prendendo un piccolo campione di tesuto per esaminarlo in laboratorio) per determinare quale tipo di proteina stia causando il problema. 

Se si ha una storia familiare di amiloidosi ereditaria, può essere necessario un test genetico. 

L'amiloidosi è incurabile, ma può essere trattata. Il trattamento dipende dalla tipologia di amiloidosi e può includere quanto segue: 

  • chemioterapia;
  • steroidi;
  • dialisi; 
  • trapianto di rene.

Solitamente, le persone affette da amiloidosi renale devono apportare cambiamenti all'alimentazione, tra cui: 

  • limitare al minimo il consumo di sodio (sale);
  • ridurre l'assunzione di liquidi;
  • limitare le proteine nell'alimentazione; 
  • limitare i cibi ricchi di grassi e colesterolo.

Fonti: NIDDK, Mayo Clinic, WebMD


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.