Coagulo di sangue nella gamba: 4 sintomi a cui prestare attenzione e come riconoscere una situazione d'emergenza

Salute e Stile di vita

May 11, 2018 17:38 By Fabiosa

Gonfiore, dolore e arrossamento alle gambe sono alcuni sintomi che solitamente associamo a muscoli sovraccarichi di lavoro. Ma questi sintomi possono anche indicare qualcosa di più pericoloso: una condizione chiamata trombosi venosa profonda (TVP). La trombosi venosa profonda è un coagulo di sangue che si forma in una delle vene profonde del corpo, molto spesso nelle gambe. La TVP può causare una grave complicanza, potenzialmente mortale, conosciuta come embolia polmonare (EP), una condizione in cui un coagulo di sangue si stacca, arriva ai polmoni e ostruisce il flusso sanguigno.

Riassumendo, ecco una breve spiegazione della terminologia:

  • il trombo è la condizione in cui il coagulo di sangue rimane dove si è formato;
  • l'embolo è la condizione in cui il coagulo di sangue si stacca e si sposta altrove.

 

I fattori di rischio della TVP

 

Alcuni fattori possono comportare un rischio maggiore di TVP, e includono quanto segue: 

  • stare seduti per periodi prolungati di tempo (ad esempio, viaggiare su un aereo o su un autobus);
  • riposo a letto prolungato;
  • ferita alla gamba;
  • essere in stato di gravidanza;
  • essere sotto terapia ormonale sostituiva per il trattamento dei sintomi della menopausa;
  • sovrappeso e/o obesità;
  • avere problemi di coagulazione o un'insufficienza venosa;
  • fumo;
  • l'aver già avuto un coagulo di sangue.

 

I sintomi di un coagulo di sangue nella gamba

 

I coaguli di sangue, a seconda delle zone del corpo in cui si formano, producono sintomi differenti. Un coagulo di sangue in una delle vene profonde della gamba può produrre una serie di sintomi specifici, che includono quanto segue: 

1. Dolore

È possibile scambiare un dolore provocato da un coagulo di sangue con quello accusato dopo aver fatto attività fisica. La differenza è che nel primo caso viene colpita solo la gamba in cui il coagulo si è formato e, solitamente, il dolore è particolarmente intenso nella zona più vicina ad esso. 

2. Gonfiore

Se il gonfiore è la conseguenza di un coagulo di sangue, di solito è improvviso e non può essere alleviato mediante l'utilizzo di rimedi casalinghi, come le compresse calde o fredde. Più a lungo il coagulo di sangue è presente senza essere diagnosticato, peggiore diventa il gonfiore. 

3. Calore

Solitamente, la pelle che circonda la zona del coagulo di sangue è calda o, addirittura, calda al tatto. Questo sintomo, spesso, va di pari passo con altri spiacevoli sintomi che colpiscono l'area interessata, quali formicolio, prurito e pulsazioni. 

4. Arrossamento

La pelle che riveste l'area colpita può presentare arrossamento, e le vene superficiali che la circondano possono diventare più visibili.

Se avverti i sintomi sopra citati, consulta il medico il prima possibile. 

I sintomi dell'EP indicatori di un'emergenza, conseguente alla trombosi venosa profonda, includono quanto segue: 

  • aumento del battito cardiaco;
  • tosse (a volte con presenza di sangue);
  • dolore toracico;
  • difficoltà respiratorie;
  • sudorazione eccessiva;
  • giramenti di testa e vertigini.

Se avverti i sintomi sopra elencati, dovresti chiamare subito un'ambulanza. 

Se credi di avere una trombosi venosa profonda, non esitare a consultare il medico per informarlo dei sintomi. Con un trattamento tempestivo, è possibile evitare che la condizione provochi gravi complicanze, come l'embolia polmonare.

Fonti: ActiveBeat, WebMD, Step to Health


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.