La guardia del corpo della principessa Diana ha un "vago" ricordo sugli ultimi minuti prima dell'incidente stradale e della morte di Lady D

FAMIGLIA REALE

La guardia del corpo della principessa Diana ha un "vago" ricordo sugli ultimi minuti prima dell'incidente stradale e della morte di Lady D

Data 3 settembre 2019

L'incidente stradale della principessa Diana è ancora oggi un argomento molto discusso. A distanza di molti anni dalla sua scomparsa, la guardia del corpo condivide alcuni dettagli sulla morte della principessa e sugli ultimi minuti prima dell'incidente fatale.

La guardia del corpo della principessa Diana ha un "vago" ricordo sugli ultimi minuti prima dell'incidente stradale e della morte di Lady DGetty Images / Ideal Image

Scomparsa ma non dimenticata

Quest'anno decorre il ventiduesimo anniversario della scomparsa della principessa Diana. Lei, Dodi Al-Fayed e Henri Paul, l'autista della Mercedes-Benz S280, persero la vita a causa delle gravi ferite riportate in un incidente stradale a Parigi.

L'unico sopravvissuto dell'incidente fu Trevor Rees-Jones, la guardia del corpo della principessa Diana. È ancora l'unica persona in grado di ricostruire gli ultimi minuti prima della tragedia.

“Vaghi” ricordi prima del tragico impatto

Trevor Rees-Jones, la guardia del corpo della defunta principessa Diana, ha raccontato che l'ultima cosa che ricorda della notte dell'incidente nel 1997 è il momento in cui salirono a bordo dell'auto. Successivamente è stato interrogato 4 volte.

L'ex soldato ha dichiarato che la sua memoria era "completamente confusa" poiché avendo subito un grave trauma cranico era rimasto in coma per 10 giorni. L'unica cosa che ricordava chiaramente era una motocicletta alla destra dell'auto.

Nel 2008, quando si tenne l'udienza per la morte di Diana, Trevor cercò disperatamente di ricordare ciò che era accaduto in quella notte fatale.

In aula disse:

Ricordo di aver visto una motocicletta alla destra dell'auto mentre eravamo fermi al semaforo. Non sono sicuro degli altri veicoli, ma ricordo questa moto molto chiaramente. I miei ricordi sono confusi .

Pensava anche che la voce femminile che aveva udito vagamente appartenesse alla principessa Diana.

Ricordo di aver sentito qualcuno che si lamentava e che pronunciò il nome Dodi, ma non so chi fosse. D'altro canto, se non c'era nessun altro a parte noi, deduco che sia stata la principessa Diana, perché era una voce femminile.

Rees-Jones non è mai stato in grado di ricordare pienamente che cosa accadde in quei quattro minuti mancanti. Pertanto, se la principessa Diana sia stata vittima di un tragico incidente o di un complotto vero e proprio resta ancora un mistero.