Per 30 anni pensa di avere una paralisi cerebrale: poi un medico scopre che non è vero

VITA REALE

Per 30 anni, è stata convinta di avere una paralisi cerebrale: le analisi di un nuovo medico cambiano la vita ad una donna

Date January 9, 2020 16:39

Come vi immaginate la reazione di una persona a cui è stata diagnosticata la malattia sbagliata? Molto probabilmente, alcuni di noi sarebbero furiosi con i medici, ma Jean Sharon Abbott non ha reagito esattamente così.

La vita di Jean prima della diagnosi corretta

Quando Jean Sharon Abbott, di Plymouth (Stati Uniti), aveva 4 anni, le è stata diagnosticata la diplegia spastica, una forma di paralisi cerebrale. Era affetta da fortissimi spasmi ai muscoli delle gambe e faticava a camminare: per questi motivi, il neurologo era giunto a tale diagnosi. I genitori di Jean hanno chiesto altri pareri, ma i colleghi del medico non avevano messo in discussione nulla.

Jean si era abituata al fatto che le sue gambe non si muovessero correttamente, ed ha sempre convissuto con questo problema. Ha avuto un'infanzia normale, anche grazie al supporto di familiari ed amici.

Al Daily Mail Online ha raccontato:

Non ho mai rimuginato troppo sulla mia disabilità, tranne nei momenti in cui andavo a qualche visita medica. Probabilmente ero troppo impegnata a cercare di condurre un'esistenza normale e a divertirmi con la famiglia e gli amici.

La giovane è cresciuta e ha frequentato il college, dove ha conosciuto il futuro marito. Si è sposata con lui e i due hanno avuto tre figli.

Un giorno, alla soglia dei trent'anni, Jean ha assunto dosi troppo elevate di un farmaco, a causa di una prescrizione sbagliata. Si è allora rivolta ad un nuovo medico, e quella visita le ha cambiato completamente la vita.

La visita medica che le ha cambiato la vita

Il dottore ha notato che la diagnosi di diplegia spastica era sbagliata, e ha consigliato alla donna un nuovo neurologo.

Dopo alcuni esami, questo le ha detto che non era affetta da paralisi cerebrale: in realtà, soffriva di distonia dopa-sensibile (DRD), malattia che dura tutta la vita ma curabile.

Ritorno a quando, durante i viaggi, avevo bisogno di spostarmi con la carrozzina elettrica.

Secondo il National Institute of Health, la distonia dopa-sensibile è una malattia rara che causa contrazioni involontarie dei muscoli, tremori e movimenti non controllati. La patologia si sviluppa dalle gambe e finisce per diffondersi alle braccia e nel resto del corpo. Può venire curata con successo grazie a L-Dopa, una sorta di dopamina sintetica.

Ricordo della mia visita alla Red Wood Forest assieme a mio marito, circa 10 anni fa. La carrozzina elettrica mi ha permesso di vedere molte più cose nella vita rispetto a ciò che avrei visto se non l'avessi avuta. Spero che un giorno potrò visitare ancora quel luogo, magari sulle mie gambe.

All'inizio, Jean era scettica sulla nuova diagnosi, ma il marito l'ha convinta a provare i farmaci che le erano stati prescritti. La donna non si aspettava che funzionassero, ma non è stato così!

L'inizio della rinascita

Le gambe di Jane si sono rafforzate, permettendole di fare qualcosa che non avrebbe mai immagnato: una scalata di 10 miglia con il marito. Intervistata dal Daily Mail Online, ha ricordato l'emozione:

Ero orgogliosa di me stessa e penso che molte persone al mondo riescano a fare fisicamente cose come queste, ma hanno paura. E ho iniziato a pensare a tutti i luoghi che vorrei visitare assieme alla mia famiglia, prima di oggi inimmaginabili.

Fino a poco tempo fa, non riuscivo nemmeno a reggere un marsupio. Ora, riesco a sollevare un sacco di borse dall'auto, senza l'aiuto di nessuno.

Jean non se l'è presa con i medici che le hanno diagnosticato la patologia sbagliata, da bambina. È felice di come la sua vita sia cambiata, di essere capace di fare cose che prima, senza i nuovi farmaci, non poteva affrontare:

So solo che non sono una persona che vive con i rimpianti e non ho nessuna intenzione di iniziare un processo contro la diagnosi errata. Inoltre, riesco a fare attività che non avevo mai considerato prima, perciò non ho motivo di essere arrabbiata o sconvolta. Sono terribilmente felice!

La malattia di Jane è piuttosto rara; secondo il National Institute of Health, la distonia dopa-sensibile colpisce una persone su un milione nel mondo. Ora, la donna si impegna a sensibilizzare il pubblico sulla malattia. Ha dichiarato al Daily Mail Online:

Penso che la mia storia sia importante perché sono certa che ci siano altre persone a cui è stata diagnosticata erroneamente la paralisi cerebrale. Se la mia vicenda potesse aiutare anche una sola persona, ne sarei veramente grata.

L'atteggiamento positivo di Jean è davvero encomiabile, un vero esempio da seguire.

LEGGETE ANCHE: Lacrime di dolore per Caterina Balivo in diretta: il commovente racconto della scomparsa dei genitori di Giovanni Vernia