Il figlio ha problemi con la colonna vertebrale: semplici consigli da seguire per avere una postura perfetta

Salute e Stile di vita

In questo articolo analizzeremo i metodi per sistemare la curvatura della colonna vertebrale. Tali metodi riguardano prevalentemente il caso di persone con una scoliosi di primo grado. Deformazioni più gravi devono essere trattate dai medici, dato che l'automedicazione della scoliosi di secondo, terzo e quarto grado può provocare conseguenze irreversibili e terribili.

Il livello di deformazione può essere individuato tramite una radiografia. Tuttavia, puoi determinare anche da solo se è presente un problema ed è necessario rivolgersi al medico.

Per fare ciò, fai sedere tuo figlio con le spalle rivolte verso di te. Poi, fai quanto segue:

  1. Presta attenzione alle spalle, soprattutto se una delle due è più in alto dell'altra.
  2. Traccia una linea sotto le scapole. Se la linea non è diritta, significa che c'è un problema.
  3. Presta attenzione alla vita. La linea della vita non deve essere più corta da una parte che dall'altra.
  4. Osserva i glutei. Anch'essi devono trovarsi allo stesso livello.
  5. Controlla la colonna vertebrale. Se somiglia alle lettere C o S, c'è un problema.

Ora, fai girare tuo figlio in modo che ti guardi. Presta attenzione ai capezzoli: devono trovarsi sulla stessa linea dritta.

Se la colonna vertebrale ha forma di "C", significa che probabilmente c'è un problema di scoliosi di primo o secondo grado. La lettera "S" indica il terzo o quarto livello di deformazione.

Ora analizzeremo i vari modi per prevenire la scoliosi. È utile sottolineare che il primo grado di scoliosi non è comunque un verdetto.

Prima di tutto, consideriamo l'aspetto psicologico. I genitori devono comunicare con i loro figli e spiegare quanto sia importante avere una corretta postura. Puoi mostrare loro come diventeranno se non cammineranno diritti. Per esempio, usa uno specchio per mostrare loro la differenza. Puoi anche mostrare loro delle immagini tratte da internet di persone affette da gravi deformazioni. Oppure puoi mostrare loro fotografie di celebrità e dei personaggi preferiti dei tuoi figli, che si prendono cura della loro postura. Questo metodo funziona davvero bene, soprattutto con i teenager.

Inoltre, puoi chiedere a tuo figlio di appoggiarsi con la schiena al muro in modo che tutto il suo corpo lo tocchi. Mantenendo quella posizione, deve fare due passi avanti e rimanere così per due minuti. Si può ripetere tre-quattro volte al giorno.

E se un bambino non ascolta i genitori? In questo caso puoi fargli seguire delle lezioni speciali per rafforzare i muscoli della colonna vertebrale. Sport come il nuoto, il ballo da sala, lo yoga, il pattinaggio artistico, lo sci, la pallavolo o il basket sono molto efficaci. Cerca di fare ginnastica con tuo figlio ogni mattina. Non esitare ad installare in casa una sbarra orizzontale, in modo che il bambino possa usarla per allungare la colonna vertebrale e allentare la tensione.

Non dimenticare di effettuare alcuni semplici esercizi:

  1. Sdraiati a pancia in giù. Poi, solleva le braccia e le gambe contemporaneamente e mantieni la posizione per dieci secondi. Ripeti cinque volte al mattino e alla sera.
  2. Sempre a pancia in giù, solleva le spalle e la testa e mantieni la posizione per quindici secondi. Ripeti cinque volte.
  3. Gattona sul pavimento spingendo corpo e gambe per dieci secondi. Ripeti almeno cinque volte.
  4. Piegamenti regolari possono aiutare a supportare la struttura muscolare della colonna vertebrale. Effettua dieci piegamenti in un minuto, poi ripeti tre-quattro volte.

Nel caso in cui un medico abbia diagnosticato una postura scoliotica o una scoliosi di primo grado, devi trovare un buon massaggiatore. Un buon massaggio rafforza i muscoli della colonna vertebrale e migliora la salute in generale.

Non dimenticare di mantenere i tuoi figli belli e sani!

LEGGETE ANCHE: Prima di giocare con un bambino lanciandolo in aria, è meglio conoscere tutti i rischi


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.

Raccommandiamo