12 segnali d'aiuto lanciati dal corpo che sarebbe meglio non ignorare

Salute e Stile di vita

Il nostro corpo ha la capacità di dirci quando qualcosa non va, ma non sempre gli diamo retta!

Il problema principale è che le avvisaglie che il corpo ci invia sono piuttosto vaghe, e ciò rende difficile capirne la causa.

Ecco una lista dei dodici sintomi più comuni da non ignorare:

1. Desiderare un cibo in particolare

A ognuno di noi viene voglia di mangiare qualcosa di particolare, a volte. Per porre rimedio al problema bisogna stare attenti allo stile di vita. Solitamente desideriamo determinati alimenti perché al nostro corpo mancano dei nutrienti specifici. Il secondo motivo potrebbe essere la mancanza di sonno, che comporta molto stress e spinge a desiderare di mangiare in quantità cibi dolci o salati.

Soluzione: Smettere di comprare cibi preconfezionati, pronti, salati; farsi delle belle dormite e prendersi cura del proprio benessere emotivo.

2. Crampi alle gambe

Cosa può esserci di peggio che svegliarsi con un dolore acuto e prolungato alle gambe? Potrebbe essere segno di un insufficiente apporto di sangue, dovuto al restringimento delle arterie. Ma potrebbe dipendere anche dallo schiacciamento dei nervi della colonna vertebrale, causato forse dal continuo camminare.

Soluzione: Mangiare molti alimenti che contengono potassio, come pomodori, arance e banane. Oppure bere più acqua durante il giorno. 

3. Pelle secca

Sorprenderà sapere che tanta gente soffre di secchezza della pelle. La cosa può sembrare innocua, ma non è sempre così. La causa principale della pelle secca è il clima. Alcuni mal sopportano gli inverni secchi, altri le estati umide. Anche saponi e detergenti possono esserne la causa.

Soluzione: includere grassi salubri nell'alimentazione. Sono presenti nell'avocado, nell'olio di pesce, nelle noci e nei semi.

4. Mal di testa

Milioni di persone nel mondo soffrono quotidianamente di mal di testa, che può essere causato da freddo, infezioni o influenza, ma anche da stress emotivo, depressione, mancanza di sonno, da alcuni farmaci o dal saltare i pasti.

Soluzione: Può essere difficile da mettere in pratica, ma si dovrebbe cercare di ridurre al minimo l'impatto dell'ambiente sulla propria vita. Si può anche stilare un elenco degli alimenti che procurano mal di testa e sostituirli con cibi ricchi di magnesio.

5. Alitosi

Tutti noi abbiamo incontrato, almeno una volta nella vita, qualcuno con l'alito cattivo. La causa principale è la presenza di cibo marcio tra denti e gengive. Anche una bocca secca può causare alitosi, poiché la mancanza di saliva rende difficoltoso deglutire il cibo. L'alitosi, infine, può essere causata da un'infezione orale, come la parodontite o la carie.

Soluzione: Mangiare cibi più naturali e non trasformati, e prestare molta attenzione all'igiene orale.

6. Unghie fragili

Le unghie fragili sono un fenomeno comune tra le persone in età avanzata. Nelle donne, però, può influire anche l'uso frequente di smalti o uno squilibrio ormonale. Possono anche essere segno di depressione o alimentazione sbagliata.

Soluzione: Consultare un nutrizionista, che aiuterà a scoprire quali siano gli alimenti di cui il corpo è carente.

7. Doppie punte

Articoli per la casa come phon e piastre seccano i capelli. Le tinture chimiche possono causare doppie punte. Anche l'assenza di grassi salubri nell'alimentazione, come quelli contenuti nel pesce e nell'olio d'oliva, possono contribuire.

Soluzione: Utilizzare esclusivamente tinture per capelli bio e usare meno frequentemente l'asciugacapelli.

8. Stanchezza cronica

Se si è esausti dopo una lunga giornata di lavoro, è comprensibile. Ma se si è costantemente stanchi, anche dopo una bella dormita, e il cervello ha iniziato a "tirare i freni", potrebbe essere il risultato di un'alimentazione non equilibrata.

Soluzione: Includere più cibi naturali nell'alimentazione.

9. Dolore durante l'esercizio fisico

Se si prova regolarmente dolore mentre ci si allena, potrebbe trattarsi di un trauma legato a un muscolo stirato.

Soluzione: Tenere a riposo i muscoli per un paio di giorni e vedere come ci si sente. Se il dolore persiste, consultare uno specialista.

10. Articolazioni gonfie

Se le articolazioni appaiono un po' gonfie e arrossate, potrebbe trattarsi di dermatomyositis. Si tratta di un'infiammazione del tessuto muscolare sottostante, che può portare a una diminuzione nella produzione di collagene. Poiché questa proteina protegge il corpo dal cancro, la quantità dev'essere monitorata con molta attenzione.  

Soluzione: Se il rossore e il gonfiore tendono a persistere, consultare il medico.

11. Stomaco gonfio

La sensazione di pienezza dopo una cena deliziosa è una cosa, ma un addome costantemente gonfio è causa di preoccupazione. Una delle cause è l'abuso di alimenti grassi, che richiedono molto più tempo per essere digeriti. Il gonfiore può essere causato anche da ipersensibilità ad alcuni alimenti, ad esempio i prodotti lattiero-caseari o i fagioli. Potrebbe trattarsi di bassa acidità nello stomaco, che porta a non digerire il cibo correttamente

Soluzione: Ridurre il consumo di cibi grassi. Se non dovesse essere d'aiuto, consultare un gastroenterologo.

12. Irregolarità

Tutti noi soffriamo ogni tanto di problemi intestinali, ma se si è costantemente costipati, non bisogna ignorare il problema. L'irregolarità può essere causata dal consumo di alcuni farmaci, dall'abuso di cibi grassi nell'alimentazione e dall'assenza di vitamine o sostanze nutritive.

Soluzione: Provare ad aggiungere all'alimentazione kiwi, fragole, prugne fresche o secche, mandorle, semi di lino, arance, farina d'avena, succo di aloe vera, spinaci, fagiolini, broccoli, yogurt e caffè. Non dimenticare di bere molta acqua.

Si raccomanda di non ignorate i messaggi di avviso inviati dal corpo. Prevenire è meglio che curare. È salutare!

Fonte: Fonte: Providr

LEGGETE ANCHE: 5 segnali che indicano carenza di ferro nell’organismo


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro operatore sanitario.