Preoccuparsi troppo può portare a conseguenze fisiche letali

Salute e Stile di vita

Pensate di preoccuparvi troppo? La verità è che la preoccupazione causa ansia, che a sua volta può produrre conseguenze fisiche sul nostro corpo. Tutti abbiamo dei grattacapi, ma averli sempre vuol dire pensare costantemente a quel che potrebbe succedere. Le persone che si preoccupano eccessivamente possono arrivare a soffrire di ansia e di attacchi di panico.

In presenza di un problema di salute mentale, si è molto sensibili al proprio ambiente e alle critiche degli altri. Preoccuparsi eccessivamente può incidere sulla vita di tutti i giorni e interferire con l’appetito, lo stile di vita, i rapporti personali, il sonno e il lavoro. Molte delle persone costantemente preoccupate si sentono talmente oppresse da ricorrere all'abuso di alcol e droghe.

L'ansia è una reazione normale allo stress. Tuttavia se diventa uno stato costante può essere il risultato di una patologia, ad esempio ansia generalizzata, sindrome da panico o ansia sociale. Questa emozione si manifesta in molti modi e non fa discriminazioni di età, sesso o razza.

Le persone che si preoccupano troppo reagiscono velocemente e intensamente alle situazioni stressanti e scatenanti. Anche solo il pensare a una data situazione può trasformarsi in preoccupazione cronica, forte angoscia e senso di inettitudine. La preoccupazione e la paura eccessive, così come l’ansia costante, diventano dannose quando la persona è talmente irrazionale da non riuscire più a focalizzarsi sulla realtà o a pensare con chiarezza. Quando arriva a questo punto, potrebbe accusare sintomi fisici reali.

Lo stress deriva dalle richieste e dalla pressione che subiamo ogni giorno. Le lunghe file nei negozi, il traffico all'ora di punta, il cellulare che squilla in continuazione o una patologia cronica sono tutti esempi di cause di stress nella vita di tutti i giorni. Quando la preoccupazione e l’ansia diventano eccessive, è possibile che scatenino una risposta allo stress.

La reazione di lotta o fuga fa sì che il sistema nervoso simpatico rilasci ormoni dello stress, fra cui il cortisolo. Questi ormoni aumentano il livello di zuccheri nel sangue e i trigliceridi, che possono servire da carburante al corpo. Tali ormoni conducono anche a reazioni fisiche, tra cui:

  • ipertensione;
  • difficoltà a deglutire;
  • capogiri;
  • secchezza delle fauci;
  • battito cardiaco accelerato;
  • affaticamento;
  • mal di testa;
  • incapacità a concentrarsi;
  • irritabilità;
  • dolore muscolare;
  • tensione muscolare;
  • nausea;
  • tensione nervosa;
  • respiro pesante;
  • difficoltà a respirare;
  • sudorazione;
  • tremori e spasmi;
  • soppressione del sistema immunitario;
  • disturbi digestivi;
  • perdita della memoria a breve termine;
  • patologie cardiache premature;
  • attacchi cardiaci.

Quando l’ansia eccessiva non viene curata, può portare alla depressione e al suicidio. Parlatene con il vostro medico e sottoponetevi a un check up completo per accertarvi che la sensazione di ansia non sia alimentata da altri problemi di salute. Anche se la preoccupazione eccessiva e l’ansia possono causare squilibri nell'organismo, esistono varie opzioni per ristabilire l’armonia della mente, del corpo e dello spirito.

Fate attività fisica tutti i giorni

Dopo l’approvazione da parte del vostro medico, iniziate un programma di esercizio fisico regolare. Le sostanze chimiche prodotte durante l’esercizio moderato aiutano a migliorare il funzionamento del sistema immunitario. L’esercizio aerobico regolare e il potenziamento sono anche un ottimo modo di allenare il vostro corpo, in circostanze controllate, a gestire la tensione.

Dieta sana e bilanciata

Tatiana Volgutova / Shutterstok.com

Lo stress e le preoccupazioni possono portarvi a mangiare troppo poco o ad alimentarvi con cibi non sani. Pensate alla vostra salute quando vi dirigete verso il frigorifero. Anche la caffeina stimola il sistema nervoso, che può a sua volta accrescere l’ansia.

Siate consapevoli delle vostre preoccupazioni

Ritagliatevi quindici minuti al giorno per concentrarvi su problemi e paure, poi dimenticatevene. Qualcuno si porta dietro oggetti antistress. Fate il possibile per ricordare a voi stessi di smettere di pensare alle preoccupazioni.

Imparate a rilassarvi

Le tecniche di distensione possono produrre come risposta il rilassamento: uno stato psicologico caratterizzato da sensazione di calore e acutezza mentale. Queste tecniche possono anche aumentare il vostro autocontrollo nelle situazioni di stress. Con il rilassamento, il sangue fluisce verso il cervello e fa sì che le onde cerebrali passino dal ritmo beta a quello alfa. Se praticate con regolarità, le tecniche di rilassamento possono contrastare gli effetti debilitanti dello stress. Tali tecniche comprendono: respirazione profonda attraverso i muscoli addominali, meditazione, ascolto di musica rilassante e attività come yoga o tai chi.

Seguite una vita socialmente attiva

Rawpixel.com / Shuttestock.com

Le sensazioni croniche di solitudine o di isolamento sociale rendono difficile la gestione effettiva dello stress. Le persone felicemente sposate e/o che hanno molti amici non solo hanno un’aspettativa di vita maggiore rispetto agli altri, ma hanno anche meno probabilità di sviluppare quasi ogni tipo di malattia.

Parlate con uno psicologo professionista

Una valutazione psicologica può aiutare a sviluppare le corrette strategie per affrontare i problemi che causano la preoccupazione eccessiva. Lo psicologo vi aiuterà a identificare i pensieri e le convinzioni che vi causano ansia, per poi lavorare insieme a voi per ridimensionarli. Ma la terapia avrà successo solo se siete intenzionati a migliorare. Se necessario, lo specialista vi prescriverà dei farmaci ansiolitici e antidepressivi.

Fonte: Fonte: webmd.com

LEGGETE ANCHE: Cinque motivi per amare la propria età superati i quarant’anni


Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. Fabiosa Italia declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro operatore sanitario.