La verità sulle ulcere: i primi sintomi dei disturbi gastrointestinali

L'ulcera gastrica è una lesione localizzata nello stomaco che rientra, insieme all'ulcera duodenale e a quella esofagea, nella categoria delle ulcere peptiche. Si tratta di ferite aperte che si sviluppano sulla mucosa interna dello stomaco e del duodeno che talvolta, se non curate tempestivamente, si estendono a tal punto da creare dei veri e propri "buchi". Le ulcere si manifestano con bruciore e dolore addominale. L'eccessiva secrezione gastrica di acido cloridrico gioca un ruolo fondamentale nell'insorgenza delle ulcere sulla membrana che ricopre lo stomaco e l'intestino tenue.

Fattori di rischio

L'acido cloridrico è essenziale per una corretta digestione e per eliminare i batteri nocivi che introduciamo con l'alimentazione. Lo stomaco e l'intestino sono protetti da uno strato mucoso che può infiammarsi o irritarsi per i seguenti motivi:

  • uso frequente di antinfiammatori (ibuprofene, aspirina);
  • consumo eccessivo di alcol, fumo di sigaretta;
  • mancanza d'igiene;
  • uso di farmaci steroidei;
  • predisposizione genetica;
  • età (molto spesso le ulcere si sviluppano nei soggetti che hanno superato i cinquant'anni).

È fondamentale modificare il proprio stile di vita e prestare attenzione a qualsiasi cambiamento avvenga nel nostro corpo.

La causa scatenante principale delle ulcere è l'ipersecrezione gastrica, che potrebbe dipendere da fattori genetici. In questo caso si consiglia di limitare l'assunzione di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), sostituendoli con alternative efficaci che non esercitano alcuna azione ulcerogenica.

Alcuni sintomi che NON bisognerebbe ignorare

L' ulcera gastrica può essere curata, ma è molto importante individuare i suoi sintomi iniziali, per poter intervenire tempestivamente.

Ecco i sintomi più comuni delle ulcere gastriche:

  • reflusso gastrico;
  • mal di stomaco;
  • indigestione;
  • calo ponderale;
  • nausea;
  • acidità di stomaco;
  • inappetenza.

Talvolta i sintomi appena elencati sono assenti o si manifestano in forma lieve. Tuttavia, in caso di ulcere gravi o croniche, può aumentare il rischio di:

  • forti dolori addominali;
  • presenza di sangue nelle feci o nel vomito.

Se noti uno di questi sintomi dovresti consultare immediatamente il medico. Ricorda che l'ulcera è facilmente guaribile se diagnosticata in fase precoce e curata adeguatamente .

Quando bisognerebbe rivolgersi al proprio medico?

La combinazione di alcuni di questi sintomi dovrebbe metterti in stato d'allerta. Qualsiasi tipo di disturbo dopo aver mangiato (mal di stomaco, bruciore) rappresenta un campanello d'allarme.

Dovresti fare tutto il possibile per evitare che l'ulcera progredisca a tal punto da provocare un'emorragia gastrointestinale, che può essere accompagnata da dolori intensi. Se non si riesce a eliminare il problema con la terapia farmacologica, bisogna intervenire chirurgicamente; ecco perché è necessario prestare attenzione a qualsiasi sintomo iniziale.

Per prevenire lo sviluppo di questa patologia, dovresti tenere sotto controllo l'alimentazione e modificare stile di vita. Cerca di evitare i fattori di rischio elencati precedentemente (per esempio, l'abuso di alcol e l'assunzione dei FANS). Una dieta sana, inoltre, contribuisce notevolmente a ridurre il rischio di sviluppare ulcere gastriche e a stabilizzare l'apparato gastrointestinale. Cerca d'introdurre i seguenti prodotti nella tua alimentazione quotidiana:

  • yogurt che contengono probiotici;
  • frutta e verdura;
  • alimenti ricchi di fibre;
  • vitamina C;
  • prodotti ricchi di zinco (manzo, ostriche, spinaci).

Presta attenzione a qualsiasi cambiamento avvenga nell'organismo e ascolta il tuo corpo. I sintomi iniziali di molte patologie spesso si manifestano prima che insorgano complicazioni gravi.

Fonte: HealthLine, MedicalNewsToday, WebMD


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell'articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall'utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.