Andrea Bocelli racconta la storia che l'ha portato a perdere la vista

Andrea Bocelli racconta la storia che l'ha portato a perdere la vista

Celebrità

October 10, 2017 13:00 By Fabiosa

La  voce italiana più amata al mondo, Andrea Bocelli ci racconta un pezzo della sua storia molto importante e che forse quasi nessuno conosce. Si tratta della storia dei suoi occhi, com’è diventato cieco?

Zoran Karapancev / Shutterstock.com

Andrea è nato il 22 settembre 1958 a Pisa. È cresciuto nella campagna toscana e già a sei anni ha cominciato a studiare del pianoforte. Dopo si mette a suonare flauto e sassofono. Da bambino ha cercato sempre le espressioni che permettano di approfondire la musica. Il tenore ha inciso diverse opere e 15 album. Una vita piena di successo, ma purtroppo nulla è perfetto.

C’è qualcosa nella vita di Andrea che l’ha costretto a vivere in un modo diverso, con gioia ma anche con troppa difficoltà. Anche se tutti pensano che è cieco dalla nascita, il tenore ci racconta una storia diversa. Un incidente l’ha portato a perdere la vista all’età di 12 anni.

Featureflash Photo Agency / Shutterstock.com

È stato mandato in collegio a Reggio Emilia a 6 anni. A 12 anni, per via di una pallonata durante una partita di calcio ha perso la vista completamente. Nonostante ciò, prima di tutto, Andrea era affetto da un glaucoma, una malattia che colpisce il nervo ottico in cui il deflusso dell’umore acqueo viene ostacolato. Quindi, da piccolo, Andrea era cieco dall’occhio sinistro.

Nel suo libro “La musica del silenzio” In un intervista fatta dal settimanale “Gente” Andrea ha raccontato su questa parte della sua vita.

Sono sempre stato vivace e incontenibile. Da ragazzino amavo giocare a calcio e un giorno, durante una partita, una pallonata mi colpí proprio sull’occhio destro, l'unico dal quale riuscivo a scorgere la luce e i colori. Tentarono di curarmi attraversi varie operazioni, anche con l'applicazione di sanguisughe, ma non servì.

Jaguar PS / Shutterstock

Questa storia e tante altre vengono raccontate nel suo libro “La musica del silenzio”, un libro in cui scrive com’è nata la sua passione per la musica. Siccome all’età di cinque anni Andrea veniva colpito dalla malattia degli occhi e, pertanto, da forti dolori, la sua mamma gli faceva ascoltare la musica classica, una strategia che potrebbe aiutare qualsiasi persona. Da quel momento, la musica è diventata il suo amore.

Prima di intraprendere la strada della musica, però, Andrea ha lavorato come avvocato per un anno, anche se alla fine ha deciso di dedicarsi alla sua passione.

Vi piace Andrea Bocelli? Raccontatecelo nei commenti!

 

Fonte: Vita da Mamma