Dopo che aveva perso tre bambini durante la gravidanza, la mamma è stata aiutata dalla figlia maggiore a dare alla luce!

PSICOLOGIA

Dopo che aveva perso tre bambini durante la gravidanza, la mamma è stata aiutata dalla figlia maggiore a dare alla luce!

Data 14 febbraio 2018

Alcuni legami sono così stretti da essere impossibili da spiegare.

L’amore che prova un padre verso un figlio è davvero incredibile. Non c’è niente nella vita di più bello per un genitore che avere tra le braccia un figlio appena nato. La gioia diventa l’unico sentimento possibile e comincia a svilupparsi il suo senso di protezione.

Nella famiglia di Kelsey Davis tutti i membri sanno alla perfezione cosa sia l’amore. Sanno anche che amare significa ridere, ma a volte anche piangere. Brooke di 8 anni, la figlia maggiore della famiglia, ha dovuto vivere alcune esperienze, accanto ai propri genitori, che l’hanno avvicinata di più alla speranza.

Quando Brooke aveva 3 anni, Kelsey è rimasta incinta. Fin da quel momento hanno iniziato a spiegare alla bambina come si sarebbe svolto tutto il processo: la crescita di un pancione sempre più grande e il fatto di non essere più l’unica bambina di casa e di doversi prendere cura di una persona più piccola di lei. Durante la dolce attesa, Kelsey ha fatto alcuni scatti con un bel vestitino di Brooke, accanto alla bambina con una piccola lavagna in mano che diceva: “Diventerò una sorella maggiore”. Gli scatti sono stati pubblicati su Facebook e così hanno aggiornato la famiglia sulla notizia.

Purtroppo, l’incanto ha avuto vita breve. Due settimane dopo aver annunciato la gravidanza, Kelsey ha perso il bambino. Tutti erano commossi ma Brooke era triste come i genitori. Kelsey ha cercato di spiegarle che il bambino doveva rimanere accanto a Dio e che era troppo prezioso per vivere sulla terra. A quanto pare, Brooke ha capito e l’ha accettato.

Sono trascorsi quattro anni e due gravidanze interrotte. Le notizie erano così brutte che kelsey e il marito hanno deciso di non dire niente a Brooke sulle altre due gravidanze, in modo da evitare che il cuore della bambina venisse straziato di nuovo. Nonostante ciò, i miracoli esistono, e il momento di diventare sorella maggiore è finalmente arrivato.

Nel 2015 il test è risultato positivo e la data per dare alla luce il bambino era il giorno di Natale. Dopo qualche mese i genitori hanno deciso di raccontare tutto a Brooke, ma certamente erano molto preoccupati. Tuttavia, la fede e la speranza hanno sempre accompagnato questa famiglia. È passato il giorno di Natale, la piccola Ellie è nata solo a gennaio e quel che è più bello è che la sorella maggiore ha deciso di essere testimone del travaglio e di rimanere lì, insieme alla mamma, fino alla fine. Il 3 gennaio tutti hanno dato il benvenuto a Ellie e il legame tra lei e la sorella è diventato indistruttibile. Ma questo è stato solo l’inizio di un test molto più difficile per Brooke.

Nel 2017 era in arrivo un’altra bambina. Sarebbero tre le bambine di Kelsey. Il nome della nuova bambina sarebbe stato Summer Tatum. Brooke ha deciso di accompagnare un’altra volta la madre durante il travaglio, e Kelsey ha avuto un’idea fantastica. Brooke avrebbe potuto aiutare a prendere sua sorella! Le hanno spiegato cosa dovesse fare e anche che il sangue era normale, e finalmente è arrivato il momento di partorire. Brooke ha aiutato la mamma con tante carezze e ha persino ballato al battito del cuore di Summer.

Quando il momento è arrivato, Brooke si è messa in piedi accanto a suo padre, a osservare la nascita della terza sorellina, e ha persino toccato la testa di Summer prima che fosse completamente fuori dal corpo della mamma! Il momento è stato molto toccante e una volta che Kelsey ha avuto Summer tra le braccia, si è resa conto che Brooke non la smetteva di piangere. È stata una bambina molto coraggiosa!

È stato davvero bello essere lì. Penso che tutte e tre abbiamo un legame molto stretto. Ho capito che da grande voglio essere un'ostetrica.

Brooke, a soli 8 anni, è stata testimone di uno dei momenti più importanti della vita dei suoi genitori ma anche della propria. La maturità emotiva e l’abilità che ha avuto nel capire e accettare gli eventi che accadono durante la nascita sono state semplicemente fantastiche. Sicuramente non ci saranno ostacoli che lei non potrà superare! Auguri!

Fonte: Love What Matters

LEGGETE ANCHE: Aurora Ramazzotti manifesta il suo sostegno alla mamma dopo la prima serata a Sanremo: “Sono fiera di te”