La storia della nascita di Andrea Bocelli: "Suo figlio potrebbe essere disabile". La mamma racconta i momenti difficili

Celebrità

La madre di Andrea Bocelli, il famoso tenore italiano, racconta la storia del suo figlio.

Il tenore italiano Andrea Bocelli è uno dei cantanti di musica classica più riconosciuto al mondo grazie alla sua voce potente. Oggigiorno la maggior parte della gente di diverse generazioni conosce almeno uno dei suoi brani, sono andati ad un concerto per vedere Andrea ed un’orchestra indietro o hanno sentito parlare di lui.

gettyimages

Il tenore toscano ha cominciato la sua carriera nel 1993 e fin da quel momento ha cantanto con tantissimi cantautori famosi e persino si è presentato davanti personaggi importanti come il Papa Francesco e Plácido Domingo. I più giovani hanno anche la possibilità di conoscerlo grazie alla sua collaborazione fatta di recente con Ed Sheeran e il suo brano Perfect, il quale ha fatto breccia nel cuore delle donne.

gettyimages

Bocelli ha avuto una vita di successi ma anche di momenti difficili, ed a raccontarci è stata la mamma, Edi Aringhieri, a Domenica In a gennaio 2018. Chi conosce meglio un figlio che la propria madre? Edi comincia a raccontare la storia di un figlio famoso e coraggioso anche se, in realtà, è stata lei quella ad avere molto coraggio.

Edi era incinta. Lei, suo marito e l’intero mondo era in attesa del bambino anche prima di sapere che diventerebbe famoso un giorno. Tuttavia, una brutta notizia ha quasi eliminato la fortuna e possibilità di ascoltare la sua bellissima voce nel futuro. Edi è andata verso l’ospedale a causa di forti dolori al ventre. Cosa sta accadendo? “Appendicite”, ha pensato Edi.

Purtroppo, la notizia era ancora più difficile da accettare: i dottori le hanno consigliato di abortire il bambino visto che c’era la possibilità che nascesse con qualche disabilità. “Handicap? Non mi interessa. Mio figlio viene al mondo”. Così l’ha deciso e così l’ha fatto. Grazie al coraggio di Edi oggi Andrea è con noi.

gettyimages

Poi anche la perdita della vista quando il suo piccolo aveva 12 anni, una situazione molto difficile per chi soffre ma anche per i parenti e persino gli amici. Nessuno vuole vedere un vero amico soffrire. Ma, nonostante i momenti complessi, l’artista di musica classica ha anche vissuto dei momenti irripetibili. Ad esempio, la sua mamma ha raccontato la storia di come il tenore si è innamorato della musica sinfonica. Decisamente, alcune cose importanti della vita accadano quando nemmeno ci accorgiamo:

In un ospedale di Torino, quando Andrea conobbe un uomo russo grande amante della musica sinfonica, che ascoltava tutto il giorno durante il suo ricovero. Fu allora che Andrea si rese conto di essere ammaliato da quel genere (...) Non si ricordava più di essere in cura, era affascinato dalla musica.

gettyimages

Grazie al coraggio di Edi, Andre Bocelli è riuscito a vivere una vita piena di successi ma soprattutto d’amore. Deve lei essere un esempio per tutte quelle madri che sono in mezzo a problemi complessi: c’è sempre una soluzione!

Fonte: HuffingtonPost

LEGGETE ANCHE: Andrea Bocelli racconta la storia che l’ha portato a perdere la vista