Il bambino di una paziente di cancro ha consegnato una busta con tutti i suoi risparmi al dottore che ha salvato la vita della mamma!

"Caro Cadarella

Così diceva la busta ricevuta dal vicedirettore dell’Istituto europeo di oncologia, Pietro Caldarella. Il dottore ha lavorato come medico per più di 20 anni, e anche se ha dovuto essere testimone e a volte il protagonista di storie davvero tristi, di tanto in tanto c’è qualcosa che lo rende felice, come la busta di Giovanni.

Giovanni è un bambino di 5 anni che quel giorno aveva qualcosa speciale da fare. Un anno fa, la mamma di Giovani aveva subito un importante intervento per estrarre un tumore al seno. Dopo l’intervento si è sottoposta ad un trattamento di chemioterapia per eliminare completamente  quella malattia che minacciava con porre fine alla sua vita. Oggi, un anno dopo, la donna deve andare ancora dal dottore per fare delle visite di controllo, anche se dopo l’incubo è, decisamente, guarita. In quest’opportunità, il figlio ha deciso di accompagnarla, ma questa visita non è stata come qualsiasi altra visto che per il piccolino c’era qualcosa di importante da fare.

L’incontro tra lui e l’uomo che aveva salvato la vita della mamma non avrebbe potuto essere più speciale! Come ringraziare la persona che ha aiutato l’essere più amato? Tuttavia, Giovanni aveva pensato ad un’ottima idea e questo incontro sarebbe il momento propizio per portare avanti quanto pianificato.

Il bambino ha consegnato Pietro una busta pesante che diceva: “Caro Cadarella. Da Giovanni”, e poi gli ha detto: “sono per la ricerca”.

Dopo di aprire la busta Pietro ha trovato monete di cinque e dieci centesimi. Avete mai visto un gesto più bello?

La busta pesava e ho capito che non avrei trovato solo una letterina.

Il cuore di Pietro era riempito di gioia e i suoi occhi di lacrime. E anche se non riusciva nemmeno a guardare agli occhi del bambino, ha trovato la forza nascosta e gli ha detto: “sei un ometto”. Un ometto che sa come dire grazie, che ha cercato il modo di far sapere il dottore che c’era qualcuno nel mondo che era davvero grato per il suo mestiere e che è anche pronto ad aiutare se necessario, anche se con alcune monete.

Infine, Caldarella ha raccontato quanto si sia commosso per il gesto del bambino, un gesto inatteso e molto originale!

LEGGETE ANCHE: La salvezza di Hope: l'operatrice umanitaria danese che ha salvato un bimbo nigeriano accusato di stregoneria

Sono pochi spiccioli, ma il bello è vedere in questi bambini il nostro futuro, fatto di gesti semplici

Il mondo non ha bisogno di grandi donazioni, né festeggiamenti, né niente dal genere, il mondo solo ha bisogno di più gesti come questi, provenienti di cuori pieni d’amore come quello di Giovanni.

LEGGETE ANCHE: Una mamma ha escogitato un sistema geniale per somministrare le medicine al figlio. Ora altre mamme stanno adottando lo stesso metodo

Bravo, Giovanni!

Fonte: Pietro Caldarella / Facebook

Raccommandiamo